Baytril 10% O.L. os 5 litri

08 marzo 2021
Prodotti veterinari - Scheda Baytril 10% O.L.

Baytril 10% O.L. os 5 litri


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

TITOLARE:

Elanco Italia S.p.A.

MARCHIO

Baytril 10% O.L.

CONFEZIONE

os 5 litri

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

PRINCIPIO ATTIVO
enrofloxacina

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibiotici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

PREZZO
635,00 €

CONFEZIONI DI BAYTRIL 10% O.L. DISPONIBILI IN COMMERCIO

INDICAZIONI

A cosa serve Baytril 10% O.L. os 5 litri

trattamento delle infezioni causate dai seguenti batteri sensibili all'enrofloxacina: polli (Mycoplasma gallisepticum, Mycoplasma synoviae, Avibacterium paragallinarum, Pasteurella multocida); tacchini (Mycoplasma gallisepticum, Mycoplasma synoviae, Pasteurella multocida); conigli (per il trattamento delle malattie infettive causate da Pasteurella multocida e dell'enterite batterica da infezione con E. coli).
L'enrofloxacina deve essere utilizzata laddove l'esperienza clinica, supportata se possibile da test sul microrganismo causale, indichi l'enrofloxacina come principio attivo di scelta.

MODO D'USO

Come si usa Baytril 10% O.L. os 5 litri

polli e tacchini: 10 mg di enrofloxacina/kg di peso corporeo al giorno per 3–5 giorni consecutivi. Trattamento per 3–5 giorni consecutivi; per 5 giorni consecutivi nelle infezioni miste e nelle forme progressive croniche. In assenza di un miglioramento clinico entro 2–3 giorni, si deve considerare una terapia antimicrobica alternativa sulla base dei test di sensibilità.
Conigli: 10 mg/kg di peso corporeo al giorno per 5 giorni consecutivi. Calcolare come segue la quantità giornaliera di acqua (ml) di Baytril 10% O.L. richiesta per il periodo di trattamento:
Numero totale di conigli × Peso corporeo medio in kg × 0,1 = Volume totale (ml) al giorno.

AVVERTENZE

da quando l'impiego dell'enrofloxacina nel pollame è stato autorizzato per la prima volta, si sono registrate una diffusa riduzione della sensibilità di E. coli ai fluorochinoloni, e la comparsa di organismi resistenti. Resistenza è stata segnalata anche in Mycoplasma synoviae nell'UE. Quando si impiega il prodotto devono essere prese in considerazione le direttive ufficiali e locali per gli antimicrobici. I fluorochinoloni devono essere riservati al trattamento di condizioni cliniche che abbiano scarsamente risposto, o che si preveda rispondano scarsamente, ad altre classi di antimicrobici. Ogniqualvolta possibile, i fluorochinoloni devono essere impiegati solo sulla base di test di sensibilità. L'uso del prodotto al di fuori delle istruzioni fornite può aumentare la prevalenza di batteri resistenti ai fluorochinoloni e può ridurre l'efficacia del trattamento con altri fluorochinoloni a causa della potenziale resistenza crociata.


Data ultimo aggiornamento: 08/02/2021

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa