Flubenvet 1 busta 12 kg

27 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Flubenvet

Flubenvet 1 busta 12 kg



TITOLARE:

Eli Lilly Italia S.p.A.

CONCESSIONARIO:

Elanco Italia S.p.A.

MARCHIO

Flubenvet

CONFEZIONE

1 busta 12 kg

FORMA FARMACEUTICA
granulato

PRINCIPIO ATTIVO
flubendazolo

GRUPPO TERAPEUTICO
Antielmintici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
60 mesi

PREZZO
457,20 €

INDICAZIONI

A cosa serve Flubenvet 1 busta 12 kg

Suini: trattamento delle elmintiasi sostenute da Metastrongylus apri, Ascaris suum,Hyostrongylus rubidus, Oesophagostomum dentatum, Trichuris suis e Strongyloides ransomi.
Broilers, galline ovaiole, tacchini, selvaggina da piuma: trattamento delle elmintiasi sostenute da Syngamus trachea, Ascaridia galli, Heterakis gallinarum, Capillaria spp., Amidostomum anseris, Trichostrongylus tenuis.

MODO D'USO

Come si usa Flubenvet 1 busta 12 kg

suini: Trattamento di gruppo per suinetti e suini all'ingrasso: 600 g di Flubenvet per tonnellata di mangime (30 ppm) per 5 giorni consecutivi, pari a 4,5mg di principio attivo per kg di peso vivo, cioè 0,9 mg/kg/die. In caso di serie infezioni sostenute da T.suis, il trattamento dovrebbe essere proseguito per 10 giorni consecutivi; Trattamento di gruppo per suini destinati alla riproduzione: 600 g di Flubenvet per tonnellata di mangime (30 ppm), pari a ca. 0,5 mg di principio attivo/kg di peso vivo/die, per 10 giorni consecutivi. E' necessario assicurarsi che tutti gli animali consumino una sufficiente quantità di Flubenvet. Flubenvet va accuratamente mescolato con il mangime solido in modo da ottenere una miscela omogenea; Trattamento individuale singolo per suini destinati alla riproduzione: Distribuire Flubenvet sul mangime alla dose di 1 g di premiscela ogni 10 kg di peso vivo. Questo corrisponde alla somministrazione di 5 mg di principio attivo/kg di peso corporeo.
Broilers, galline ovaiole, tacchini e selvaggina da piuma
Flubenvet va unito al mangime solido in modo da ottenere una miscela omogenea. Broilers: 600 g di Flubenvet per tonnellata di mangime (30 ppm) per sette giorni consecutivi, pari a ca. 2,5 mg di principio attivo/kg di peso vivo/die. Galline ovaiole: 600 g di Flubenvet per tonnellata di mangime (30 ppm) per sette giorni consecutivi, pari a circa 1,5 mg di principio attivo/kg di peso vivo/die. Tacchini: 400 g di Flubenvet per tonnellata di mangime (20 ppm) per sette giorni consecutivi, pari a 2,5 mg di principio attivo/kg di peso vivo/die. Selvaggina da piuma: 1200 g di Flubenvet per tonnellata di mangime (60 ppm) per sette giorni consecutivi, pari a ca. 2 mg di principio attivo/kg di peso vivo/die. L'assunzione del mangime medicato dipende dalle condizioni cliniche degli animali. Per la preparazione del mangime medicato si deve tenere in considerazione il peso degli animali da trattare e l'effettiva assunzione giornaliera di mangime. Per fornire la quantità necessaria di principio attivo per kg di mangime medicato, includere la premiscela nel mangime secondo la seguente formula:
(mg di prodotto /kg p.v/ giorno) X ( peso corporeo medio kg degli animali da trattare : (Assunzione media di mangime al giorno per animale in kg) = mg di prodotto/kg di mangime.

AVVERTENZE

nnon utilizzare nei piccioni e nei pappagalli o in altre specie di destinazione non indicate.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: il trattamento con Flubenvet può dare ottimi risultati solo quando contemporaneamente si osserva una rigorosa igiene dell'animale e del suo ambiente (gabbie, voliere, giacigli). Per evitare il rischio di sviluppo di resistenza, con conseguente inefficacia della terapia a causa di un eventuale sottodosaggio, determinare con accuratezza il peso corporeo dell'animale, somministrare correttamente il prodotto, evitare l'uso troppo frequente e ripetuto per un lungo periodo di tempo di antielmintici della stessa classe terapeutica. Casi clinici di sospetta resistenza dovrebbero essere ulteriormente investigati usando appropriati test (es. Faecal Egg Count Reduction Test). Laddove i risultati dei test indichino l'insorgere di resistenza ad un particolare antielmintico, dovrebbe essere utilizzato un medicinale appartenente ad un'altra classe farmacologica e avente un diverso meccanismo di azione. Quando è nota, per singolo prodotto o classe di appartenenza, la resistenza della specie elmintica infestante l'animale target, l'uso del medicinale dovrebbe essere basato su informazioni epidemiologiche locali circa la suscettibilità di tale specie e su raccomandazioni da seguire per limitare ulteriormente la selezione di specie resistenti. Eseguire il trattamento in recinti chiusi con successiva disinfestazione dei suoli.



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
A spasso con il cane: giocare con la palla
20 settembre 2020
Notizie e aggiornamenti
A spasso con il cane: giocare con la palla
Il cucciolo non è un giocattolo
25 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Il cucciolo non è un giocattolo
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa