Loxicom 5 mg/ml soluzione iniettabile per cani e gatti flacone 20 ml

27 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Loxicom

Loxicom 5 mg/ml soluzione iniettabile per cani e gatti flacone 20 ml



TITOLARE:

Norbrook Laboratories Ltd

CONCESSIONARIO:

Vétoquinol Italia S.r.l.

MARCHIO

Loxicom

CONFEZIONE

5 mg/ml soluzione iniettabile per cani e gatti flacone 20 ml

FORMA FARMACEUTICA
soluzione (uso interno)

ALTRE CONFEZIONI DI LOXICOM DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
meloxicam

GRUPPO TERAPEUTICO
Analgesici FANS

RICETTA
ricetta medico-veterinaria in copia unica ripetibile

PREZZO
93,20 €

INDICAZIONI

A cosa serve Loxicom 5 mg/ml soluzione iniettabile per cani e gatti flacone 20 ml

cani: Attenuazione dell'infiammazione e del dolore nei disturbi muscolo scheletrici sia acuti sia cronici. Riduce l'infiammazione e il dolore post-operatorio a seguito di interventi chirurgici ortopedici e dei tessuti molli. Gatti: Riduzione del dolore post-operatorio dopo ovarioisterectomia ed interventi minori sui tessuti molli.

MODO D'USO

Come si usa Loxicom 5 mg/ml soluzione iniettabile per cani e gatti flacone 20 ml

cani: Una somministrazione singola di 0,2 mg di meloxicam/kg di peso corporeo (cioè 0,4 ml/10 kg).
Gatti: Una singola somministrazione di 0,3 mg di meloxicam/kg di peso corporeo (pari a 0,06 ml/kg), qualora il trattamento orale di follow-up non sia possibile, come ad esempio in gatti selvatici. Una singola somministrazione di 0,2 mg di meloxicam/kg di peso corporeo (pari a 0,04 ml/kg), qualora la somministrazione di meloxicam sia continuata come trattamento orale di follow-up.
Via e modalità di somministrazione:
Cani: Disturbi muscolo-scheletrici: una singola iniezione sottocutanea. Si possono usare Loxicom 1,5 mg/ml sospensione orale per cani oppure Loxicom 0,5 mg/ml sospensione orale per cani per continuare il trattamento con una dose di 0,1 mg di meloxicam/kg di peso corporeo, 24 ore dopo la somministrazione dell'iniezione. Riduzione del dolore post-operatorio (durante un periodo di 24 ore): una singola iniezione endovenosa o sottocutanea prima dell'intervento chirurgico, per esempio nel momento di induzione dell'anestesia.
Gatti: Riduzione del dolore post-operatorio in gatti in cui il proseguimento del trattamento orale di follow-up non sia possibile, come ad esempio in gatti selvatici: una singola iniezione sottocutanea al dosaggio di 0,3 mg di meloxicam/kg di peso corporeo (pari a 0,06 ml/kg di peso corporeo) prima dell'intervento chirurgico, ad esempio durante l'induzione dell'anestesia. In questo caso non va praticato il trattamento orale di follow-up. Riduzione del dolore post-operatorio in gatti in cui la somministrazione di meloxicam sia continuata come trattamento orale di follow-up: una singola iniezione sottocutanea al dosaggio di 0,2 mg di meloxicam/kg di peso corporeo (pari a 0,04 ml/kg di peso corporeo) prima dell'intervento chirurgico, ad esempio durante l'induzione dell'anestesia. Per proseguire il trattamento fino a cinque giorni, questa dose iniziale può essere seguita, 24 ore dopo, dalla somministrazione di Loxicom 0,5 mg/ml sospensione orale per gatti al dosaggio di 0,05 mg di meloxicam/kg di peso corporeo. La dose orale di follow-up può essere somministrata fino a un totale di quattro dosi a intervalli di 24 ore. Evitare d'introdurre contaminanti durante l'uso. Si deve porre particolare attenzione all'accuratezza del dosaggio. Per somministrare il prodotto ai gatti andrebbe utilizzata una siringa da 1 ml opportunamente graduata.

AVVERTENZE

nel sollievo del dolore post-operatorio nei gatti, la sicurezza è stata documentata solamente in caso di anestesia con tiopentale/alotano.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: se dovessero manifestarsi reazioni avverse, il trattamento deve essere interrotto e si deve consultare il medico veterinario. Evitare l'uso su animali disidratati, ipovolemici o ipotesi, poiché vi è un potenziale rischio di tossicità renale. Durante l'anestesia, il monitoraggio e la fluido terapia dovrebbero essere considerate pratiche standard.



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa