Orbeseal 24 siringhe

30 novembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Orbeseal

Orbeseal 24 siringhe



TITOLARE:

Zoetis Italia S.r.l.

MARCHIO

Orbeseal

CONFEZIONE

24 siringhe

FORMA FARMACEUTICA
crema

ALTRE CONFEZIONI DI ORBESEAL DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
bismuto nitrato basico

GRUPPO TERAPEUTICO
Antinfettivi

RICETTA
ricetta medica in copia unica non ripetibile

SCADENZA
60 mesi

PREZZO
121,00 €

INDICAZIONI

A cosa serve Orbeseal 24 siringhe

è indicato per la prevenzione delle nuove infezioni intramammarie durante tutto il periodo dell'asciutta. Trattamento non antibiotico per le bovine in asciutta. Si raccomanda di utilizzare Orbeseal come parte di un programma aziendale per la gestione dell'asciutta e per il controllo delle mastiti. Nelle bovine presumibilmente non affette da mastite subclinica, Orbeseal può essere somministrato al momento dell'asciutta. Gli altri animali devono essere gestiti in conformità ai piani approvati per il controllo delle mastiti, oppure sotto consiglio specifico del veterinario.

MODO D'USO

Come si usa Orbeseal 24 siringhe

solo per uso intramammario.
Posologia: Una siringa intramammaria all'interno di ogni quarto mammario immediatamente dopo l'ultima mungitura della lattazione (alla messa in asciutta). Non massaggiare il capezzolo o la mammella dopo la somministrazione.
Somministrazione: Fare attenzione a non introdurre agenti patogeni nel capezzolo. È fondamentale osservare delle rigide tecniche di asepsi per la somministrazione di Orbeseal, poiché il prodotto non possiede attività antimicrobica. L'insuccesso nel seguire tali raccomandazioni può causare casi gravi di mastiti post-infusione, che possono portare anche a morte. Pulire e disinfettare i capezzoli prima dell'infusione di Orbeseal. Dedicare tempo sufficiente al trattamento di ogni singolo animale e non svolgere nello stesso tempo altre attività di allevamento. Assicurarsi che gli animali siano tenuti in condizioni igieniche appropriate. Tenere le siringhe pulite e NON immergerle in acqua. Utilizzare guanti puliti usa e getta. È essenziale cambiare i guanti ad ogni bovina.. Assicurarsi che i capezzoli e la mammella siano visibilmente puliti e asciutti. Se i capezzoli sono obiettivamente sporchi, eliminare la sporcizia solo dai capezzoli, usando le salviette inumidite usa e getta ed asciugare completamente. Immergere i capezzoli in un prodotto “pre-dipping” autorizzato a rapida azione, lasciarlo agire per 30 secondi, quindi asciugare con altra carta monouso ciascun capezzolo fino a che non sia completamente asciutto. Mungere i primi getti di latte in un idoneo contenitore ed eliminarli. Disinfettare accuratamente l'intera superficie del capezzolo con salviette usa e getta impregnate con disinfettante chirurgico o alcool. Studi hanno dimostrato che la metodica più efficace per la pulizia del capezzolo è quella con l'utilizzo di cotone pulito e asciutto imbevuto di disinfettante chirurgico (o equivalente). Nel caso in cui questo non fosse disponibile, utilizzare le salviette sterili fornite. Pulire prima i capezzoli più distanti dall'operatore, per evitare di contaminare i capezzoli puliti. Strofinare delicatamente la parte terminale del capezzolo con nuove salviette usa e getta impregnate con disinfettante chirurgico o alcool fino a che sia la parte terminale del capezzolo sia le salviette saranno visibilmente pulite. Rimuovere il cappuccio della siringa intramammaria facendo attenzione a non toccarne il beccuccio. Tener ferma la base del capezzolo tra le dita alla giunzione con la mammella. Piegare leggermente il capezzolo ad angolo. Somministrare il contenuto di una siringa nella base del canale del capezzolo, al di sotto dell'area che si tiene stretta, evitando di contaminarne la parte terminale. Per la somministrazione nei capezzoli utilizzare l'ordine inverso utilizzato per la pulizia, cioè somministrare prima nei capezzoli più vicini all'operatore. Non massaggiare il capezzolo o la mammella dopo la somministrazione. Dopo la somministrazione utilizzare un appropriato disinfettante post mungitura per il capezzolo e confinare le bovine trattate in un recinto dove devono restare in stazione quadrupedale per almeno 30 minuti, per permettere la chiusura del canale del capezzolo.

AVVERTENZE

la selezione delle bovine da sottoporre al trattamento con Orbeseal deve essere basata sulla valutazione clinica del veterinario. I criteri di selezione possono essere basati sulla anamnesi delle mastiti e sui conteggi di cellule somatiche delle singole bovine o sui test riconosciuti per la diagnosi di mastiti subcliniche o su esami batteriologici. Come indicazione, dove sono disponibili i conteggi individuali delle cellule somatiche, è corretto somministrare Orbeseal nelle bovine con una media inferiore a 200,000 cellule per ml prima dell'asciutta. Un lieve aumento delle cellule nel conteggio durante le ultime 4 settimane antecedenti il periodo dell'asciutta, è nella norma e può essere ignorato.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: nelle bovine con possibili mastiti sub-cliniche, il prodotto può essere utilizzato nel quarto interessato dopo la somministrazione di un trattamento antibiotico approvato per l'uso in bovine in asciutta. Come per tutti i trattamenti intramammari per l'asciutta, è buona pratica osservare con regolarità le bovine in asciutta allo scopo di rilevare segni di mastite clinica. Se un quarto trattato sviluppa una mastite clinica, il quarto colpito deve essere svuotato manualmente prima dell'inizio di un'adeguata terapia antibiotica. Per ridurre il rischio di contaminazione, non immergere le siringhe in acqua. Usare la siringa una sola volta.



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
A spasso con il cane: giocare con la palla
20 settembre 2020
Notizie e aggiornamenti
A spasso con il cane: giocare con la palla
Il cucciolo non è un giocattolo
25 dicembre 2019
Notizie e aggiornamenti
Il cucciolo non è un giocattolo
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa