Paramore 200 mg/ml bottiglia da 1 litro

05 dicembre 2020
Prodotti veterinari - Scheda Paramore 200 mg/ml

Paramore 200 mg/ml bottiglia da 1 litro



TITOLARE:

Huvepharma NV

MARCHIO

Paramore 200 mg/ml

CONFEZIONE

bottiglia da 1 litro

FORMA FARMACEUTICA
soluzione

ALTRE CONFEZIONI DI PARAMORE 200 MG/ML DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
aminosidina solfato

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibatterici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
99,00 €

INDICAZIONI

A cosa serve Paramore 200 mg/ml bottiglia da 1 litro

vitelli da latte: colibacillosi, salmonellosi. Suini (fino a 50 kg): enteriti colibaccillari. Suini: colibacillosi, salmonellosi, enterite necrotica. Polli: colibacillosi, salmonellosi. Tacchini: colibacillosi. Conigli: enteriti batteriche escluse le salmonellosi. Causate da: gram negativi: Escherichia coli, Salmonella spp.

MODO D'USO

Come si usa Paramore 200 mg/ml bottiglia da 1 litro

somministrazione per via orale. Vitelli da latte: 25-50 mg di principio attivo/kg p.v. (12,5-25 ml di prodotto/100 kg di peso vivo) per 3-5 giorni; Suini: 25-40 mg di principio attivo/kg p.v. (pari a 12,5-20 ml di prodotto/100 kg di peso vivo) per 3-5 giorni; Polli: 20-25 mg di principio attivo/kg p.v. giorno (pari a 10-12,5 ml di prodotto/100 kg di peso vivo) per 3-5 giorni; Tacchini: 25 mg di principio attivo/kg p.v. giorno (pari a 12,5 ml di prodotto/100 kg di peso vivo) per 5 giorni; Conigli: 40 mg di principio attivo/kg p.v. (pari a 20 ml di prodotto/100 kg di peso vivo) per 3-5 giorni. L'assunzione di acqua e di alimento medicato dipende dalle condizioni cliniche degli animali. Al fine di ottenere un corretto dosaggio la concentrazione del prodotto deve essere adattata conformemente.

AVVERTENZE

l'utilizzo del prodotto nel pollame deve essere conforme al Regolamento CE 1177/2006 della Commissione e alle normative nazionali di recepimento.
Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: l'utilizzo del prodotto dovrebbe essere basato su test di sensibilità nei confronti dei batteri isolati dagli animali. Se ciò non fosse possibile la terapia dovrebbe essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali, aziendali) circa la sensibilità dei batteri target.L'uso improprio del prodotto potrebbe incrementare la prevalenza di batteri resistenti all'aminosidina e ridurre l'efficacia dei trattamenti con altri antimicrobici a causa della possibile comparsa di resistenza crociata



Data ultimo aggiornamento scheda: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico




Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa