Polisulfan 100 100 mg/ml + 40 mg/g premiscela 25 kg

09 marzo 2021
Prodotti veterinari - Scheda Polisulfan 100

Polisulfan 100 100 mg/ml + 40 mg/g premiscela 25 kg


Condividi su FacebookCondividi su LinkedInCondividi su Twitter

TITOLARE:

Ceva Salute Animale S.p.A.

MARCHIO

Polisulfan 100

CONFEZIONE

100 mg/ml + 40 mg/g premiscela 25 kg

FORMA FARMACEUTICA
granulato

PRINCIPIO ATTIVO
clortetraciclina + sulfadimetoxina

GRUPPO TERAPEUTICO
Antibiotici + Sulfamidici

RICETTA
ricetta medica in triplice copia non ripetibile

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
DISCR.

CONFEZIONI DI POLISULFAN 100 DISPONIBILI IN COMMERCIO
  • polisulfan 100 100 mg/ml + 40 mg/g premiscela 25 kg (scheda corrente)

INDICAZIONI

A cosa serve Polisulfan 100 100 mg/ml + 40 mg/g premiscela 25 kg

suini: malattie batteriche dell'apparato respiratorio e intestinale; conigli: colibacillosi, salmonellosi, pasteurellosi e coccidiosi.

MODO D'USO

Come si usa Polisulfan 100 100 mg/ml + 40 mg/g premiscela 25 kg

suini: 50 mg di sulfadimetossina/kg p.v. e 20 mg di clortetraciclina/kg p.v. per 5 giorni (pari a 1400 - 2500 g di premiscela/100 kg di mangime in funzione dell'età, del peso e del consumo di mangime).
Conigli: 50 mg di sulfadimetossina/kg p.v. e 20 mg di clortetraciclina/kg p.v. per 5 giorni (pari a 500 - 1000 g di premiscela/100 kg di mangime in funzione dell'età, del peso e del consumo di mangime).
Per uso orale. La somministrazione nel mangime medicato deve essere eseguita tenendo conto dell'assunzione giornaliera di mangime, che dipende dalle condizioni cliniche degli animali, e del peso vivo in modo da somministrare la dose prescritta. Per assicurare la corretta posologia ed evitare sovra- o sottodosaggio raggruppare gli animali da trattare in base al peso vivo, tenendo conto del consumo giornaliero di mangime, e calcolare accuratamente il dosaggio di prodotto da miscelare.

AVVERTENZE

precauzioni speciali per l'impiego negli animali: si raccomanda di utilizzare il prodotto solo dopo aver effettuato un test di sensibilità nei confronti di batteri isolati dagli animali. Se ciò non fosse possibile la terapia dovrebbe essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali,aziendali). L'uso inappropriato del prodotto potrebbe incrementare la prevalenza ai germi resistenti e ridurre l'efficacia dei trattamenti con altri derivati delle stesse classi a causa della possibile comparsa di resistenza crociata.


Data ultimo aggiornamento: 03/11/2020

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico

Tags:
Ultimi articoli
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube
Farmacista33Doctor33Odontoiatria33Codifa