Vetoryl 30 capsule 10 mg

18 gennaio 2020

Prodotti veterinari - Scheda Vetoryl

Vetoryl 30 capsule 10 mg




TITOLARE:

Dechra Regulatory B.V.

CONCESSIONARIO:

Dechra Veterinary Products S.r.l. -

MARCHIO

Vetoryl

CONFEZIONE

30 capsule 10 mg

FORMA FARMACEUTICA
compressa

ALTRE CONFEZIONI DI VETORYL DISPONIBILI

PRINCIPIO ATTIVO
trilostano

GRUPPO TERAPEUTICO
Sistema endocrino

RICETTA
ricetta medica in copia unica non ripetibile

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
39,90 €

INDICAZIONI

A cosa serve Vetoryl 30 capsule 10 mg

per il trattamento dell'iperadrenocorticalismo di origine ipofisaria o surrenale (morbo e sindrome di Cushing).

MODO D'USO

Come si usa Vetoryl 30 capsule 10 mg

somministrare per via orale, una volta al giorno, insieme al cibo. La dose iniziale per il trattamento è pari a 2 mg/kg in base alle combinazioni disponibili dei formati delle capsule. Titolare la dose in base alla risposta individuale, determinata con il monitoraggio (vedere sotto). Se è necessario un incremento della dose, utilizzare una combinazione di capsule di un formato tale da consentire un incremento lento della dose somministrata una volta al giorno. Una gamma ampia di formati di capsule consente il dosaggio ottimale per il singolo cane. Somministrare la minima dose necessaria per controllare i segni clinici. Se i sintomi non sono adeguatamente controllati per un intero periodo di 24 ore tra le dosi, considerare l'incremento della dose giornaliera totale fino al 50% e dividerla in parti uguali tra la dose del mattino e quella della sera. Non dividere né aprire le capsule. In un ristretto numero di animali, può essere necessario un dosaggio sensibilmente superiore ai 10 mg/kg di peso corporeo al giorno. In queste situazioni, deve essere condotto un adeguato monitoraggio supplementare.
Monitoraggio: vanno prelevati campioni per le indagini biochimiche (inclusa la determinazione degli elettroliti) e per un test di stimolazione con ACTH prima del trattamento e poi a 10 giorni, a 4 settimane, a 12 settimane, e successivamente ogni 3 mesi, dopo la diagnosi iniziale e dopo ogni aggiustamento della dose. I test di stimolazione con ACTH devono assolutamente essere condotti 4 - 6 ore dopo la somministrazione, per consentire un'accurata interpretazione dei risultati. La somministrazione mattutina è da preferire, poiché permetterà al veterinario di effettuare test di monitoraggio a 4 - 6 ore dalla somministrazione della dose. In occasione delle scadenze temporali sopra riportate, va effettuata anche una valutazione periodica della progressione clinica della malattia. Nel caso di un test di stimolazione con ACTH negativo durante il monitoraggio, il trattamento va interrotto per 7 giorni e quindi ripreso a dosi inferiori. Ripetere il test di stimolazione con ACTH dopo altri 14 giorni. Se il risultato è ancora negativo, interrompere il trattamento fino alla ricomparsa dei segni clinici di iperadrenocorticalismo. Ripetere il test di stimolazione con ACTH dopo un mese dalla ripresa del trattamento.



Data ultimo aggiornamento scheda: 04/11/2019

Fonte: CODIFA - L'informatore farmaceutico






Ultimi articoli
Orzaiolo e calazio, sintomi, cause e rimedi
14 gennaio 2020
Notizie e aggiornamenti
Orzaiolo e calazio, sintomi, cause e rimedi
Prendiamoci cura degli occhi
12 gennaio 2020
Libri e pubblicazioni
Prendiamoci cura degli occhi
Test del difetto visivo dovuto ad astigmatismo
20 dicembre 2019
Quiz e test della salute
Test del difetto visivo dovuto ad astigmatismo
Seguici su:

Seguici su FacebookSeguici su Youtube