L'esperto risponde

Domanda di: Pelle

27/09/2007 00:35:24

Bruciore sul glande

Salve ho 24 anni e vorrei porvi alla sua attenzione la mia situazione.Circa dieci giorni fa ho avuto un doppio rapporto(non protetto perchè la mia lei è allergica al lattice).nei due giorni successivi ho avuto, ogni tanto e leggermente, prurito sul glande.Non sapendo nulla di queste malattie non sono andato dal mio medico e ho avuto sempre con la stessa persona un'altro rapporto.Al che la mia lei è andata a farsi visitare(la ginecologa effettivamente gli è stato diagnosticato dei batteri interni alla vagina e tra aveva anche perso del liquido biancastro ma anche lei ignorantemente non ha preso in considerazione la cosa)Al che sentendo nuovamente pruruto ho visto che sul glande comparivano puntini rossi, e ho spiegato la cosa al mio dottore che mi ha prescritto canesten da mettere per 7 giorni sul glande e 1 compressa di diflucan.
Passati i sette giorni ho notato che a partire dalla parte sotto del glande(dove c'è il filetto che tira il prepuzio) si è cominciato a espandere un colore rosa scuro - giallastro.Sono riandato dal mio medico che mi ha dato dei lavaggi(questa volta dopo avermi visto il glande) con euclorina sempre per sette giorni.Sono al terzo giorno di lavaggio ma ho notato che queste macchie continuano a spargersi e sopra al glande c'è una patina biancastra (residui di canesten che ho usato fino domenica?)e sento del bruciore soprattutto dopo aver urinato quando non posso lavarmi per ovvi motivi.Sto prendendo in ipotesi di farmi vedere da un dermatologo ma nel frattempo vorrei dei chiarimenti essendo tra l'altro una persona ansiosa.
In attesa di un riscontro vi mando i miei saluti.
Gianluca
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del30/09/2007

Dalla descrizione ch efa del suo caso, gentile utente, è possibile ricondurre il tutto - sempre in via non vincolante vista la sede telematica - ad una BALANOPOSTITE BATTERICA, patologia molto misconosciuta, ma che se non viene ben inquadrata e curata può perdurare e talvolta cronicizzare.

E' pertanto indispensabile effettuare la visita VENEREOLOGICA ( con il VENEREOLOGO, che è appunto il medico esperto di cute e mucose genitali e di malattie sessualmente trasmissibili)

La prenoti con fiducia.

cari saluti
DOTT. LUIGI LAINO
SPECIALISTA VENEREOLOGO, ROMA
coordinatore@latuapelle.org

Dott. Luigi Laino
Ricercatore
Specialista in Dermatologia e venereologia
ROMA (RM)



Altre risposte di Pelle


© RIPRODUZIONE RISERVATA