L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute femminile

15/05/2008 11:19:46

Candida recidivante

Egregi Dottori,
soffro oramai da più di un anno di candida recidivante, continuamente curata con antimicotici per via orale e vaginale. Credo di averli provati tutti. Dopo ogni trattamento i miglioramenti della durata di una sola settimana scompaiono, la candida ricompare, sempre più acuta. Oramai la riconosco anche da sola, osservandomi con uno specchietto, vedo all'interno delle piccole labbra una patina biancastra...
Ho fatto vari tamponi, alcuni dei quali positivi alla solo candida, altri del tutto negativi. E, onestamente non riesco a capire questo fatto…
Ho contattato una miriade di ginecologi, da ultimo un ginecologo omeopata che mi ha detto di non prendere più alcun farmaco, perchè avevo una terribile sensibilizzazione a creme, ovuli ecc.
Mi ha prescritto ovuli alla malaleuca e irrigazioni vaginali. Inoltre ha riscontrato che l'origine della candida è intestinale, in effetti quando peggiora la mia stipsi, la situazione si aggrava... per quanto mi stia sforzando, seguendo anche una dieta molto restrittiva, di regolarizzare l'intestino, di non prendere mai antibiotici, di indossare solo indumenti di cotone, la situazione non migliora...
Le chiedo un grande consiglio: è meglio insistere con la terapia tradizionale o effettivamente ricorrere a quella meno aggressiva dell'omeopatia? Avrò oramai una resistenza ai farmaci?
Ma soprattutto Vi chiedo un consiglio UMANO... possibile che io non riesca a trovare un medico che mi segua attentamente senza sottovalutare la situazione...? Ho girato tanti medici, con dispendio di tempo e tanto danaro... mi sono anche rivolta ad una psicologa, perchè qualcuno ipotizzava un origine psicosomatica. dopo una serie di sedute che, ad ogni modo, ho valutato positivamente, la terapeuta mi ha detto che, a suo avviso, non c'è alcuna correlazione tra la mia situazione psicologica e la candidosi, ma semplicemente ero disperata per non riuscire ad uscirne in alcun modo.
Sto rinviando continuamente una gravidanza per paura di peggiorare la situazione. per fortuna mio marito è molto comprensivo, ma la maggior parte delle volte i rapporti sono impossibili.

Mi scuserete per lo sfogo. aspetto un suo consiglio. Grazie di cuore.

Cordialmente M.P.I.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/05/2008

Il suo non è un problema raro, la candida recidiva frequentemente, ma è anche vero che a volte è davvero difficile sopportarne i sintomi e la presenza.
Prima di tutto le consiglio di sospendere per un po' di tempo tutte le terapie (per almeno 2-3 mesi) e cercare di "resettare" e disintossicare il suo organismo.
Pratichi se possibile dello sport, cambi stile di vita, curi l'alimentazione evitando zuccheri e carboidrati in eccesso, evitando gli alimenti aggressivi ed acidi e limitando al massimo il caffè ed il cioccolato, cerchi di evitare (per quanto possibile) lo stress.
Curi la sua igiene intima con sapone di Marsiglia ed impacchi di bicarbonato di sodio, asciugando sempre bene.

Faccia passare l'estate e dopo riprenda una volta per tutte una buona terapia (si rivolga al ginecologo) che riguardi lei ma anche suo marito.

A quel punto tirerà le somme.
In bocca al lupo!

Dott. Salvatore Di Grazia
Medico Ospedaliero
Specialista convenzionato
Specialista in Ginecologia e ostetricia
CATANIA (CT)


Altre risposte di Salute femminile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra