L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Scheletro e Articolazioni

13/07/2005 18:14:48

Capitello radiale

Due giorni fa sono caduto dalla bicicletta e riparando con le mani ho subito un trauma all'arto superiore sinistro. in un primo momento la zona più interessata dal dolore è stata quella del polso. dato che questo non aveva problemi nel movimento ho pensato di non aver ragione di allarmarmi. dopo una notte insonne per i dolori, il giorno seguente (ieri) decisi di recarmi al pronto soccorso, dove, dopo una serie di lastre fu accertata una infrazione del capitello radiale a detta del medico " composta ma leggermente sollevata" e " ai limiti dell'intervento chirurgico". mi è stato consigliato di aspettare 3-4 giorni ed eseguire nuovamente le lastre e una visita di controllo. il mio medico di fiducia non mi potrà visitare prima di 6 giorni dall'ingessatura. mi sono stati prescritti 2 farmaci (claulin (sottopelle) e zantac, del primo conosco il corrente uso, del secondo non ne comprendo la ragione.
le mie domande sono:
1) quale genere di operazione potrei dover subire?
2) 6 giorni sono troppi per una visita di verifica per verificare se operare o meno?
3) a cosa serve zantac se non mi sono stati prescritti medicinali per via orale?

grazie anticipatamente per le risposte

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/07/2005

Se il capitello radiale non presenta scomposizioni gravi il trattamento di elezione, nell'adulto, è costituito dalla immobilizzazione in gesso o dal riposo articolare in tutore per un periodo dai 20 ai 30 giorni. 1) Se si tratta di semplice infrazione non scomposta ben difficilmente dovrà essere sottoposto a intervento chirurgico. 2) il periodo proposto corrisponde a quello necessario per la detumefazione del gomito e quindi poter eseguire il trattamento, sia incruento che chirurgico. 3) Nei protocolli di trattamento antiinfiammatori specie se prolungati è buona norma dare una protezione gastrica anche se i farmaci sono somministrati per via parenterale e/o topica. Nello specifico siamo di fronte ad un atteggiamento cautelativo eccessivo a meno che il paziente non abbia riferito di essere portatore di patologia gastritica o ulcerosa.



Dott. Giancarlo Giglio
Casa di cura privata
Medico Ospedaliero
Specialista in Fisiatria
Specialista in Ortopedia e traumatologia
FIUMICINO (RM)


Altre risposte di Scheletro e Articolazioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra