22/06/16  - Prostatite - Salute maschile

22 giugno 2016

Prostatite





Domanda del 22 giugno 2016

Domanda: Prostatite


Domanda di Salute maschile, inviata in data 22 giugno 2016.

Dal 26 anni soffro di Diabete tipo 1. Nel 2012 mi è stata diagnosticata una IPB (asse trasversale 63mm, antero-posteriore39mm, longitudinale 54mm, volume 69, 7cm3. L'urologo mi ha prescritto Omnic e Avodart. Non passando i fastidi/dolori uretrali e perineali, nel 2013 un altro urologo mi ha sostituito i due farmaci con Silodyx 8mg asserendo che la prostata non era così grossa. Inoltre tramite eco-trans rettale mi ha diagnosticato prostatite sub-acuta. Le minzioni, col nuovo farmaco sono migliorate e diminuite di numero, ma il dolore uretrale in zona scrotale e il fastidio in zona perineale no. Nel febbraio 2016 ho cominciato ad accusare bruciori uretrali specialmente post-minzionali e disuria a giorni alterni con sensazione di gonfiore alla base dell'uretra che andava e veniva. Ho consultato un terzo urologo che mi ha prescritto Ciproxin 1000 per 7gg e consigliato una uretrocistoscopia. Ora il bruciore è passato ma persiste il fastidio uretrale. Il flusso urinario è buono. Il mio medico mi ha fatto fare urinocoltura e spermiocoltura risultando entrambe positive a Klebsiella pneumoniae. A seguito mi ha prescritto un ciclo di 3 settimane di norfloxacina che non ho ancora iniziato. Io vorrei riprendere l'Avodart. E'possibile che i disturbi che sento siano dovuti solo alla prostatite o anche ad una stenosi uretrale. Con l'alfalitico normalmente urino meglio. Cosa devo fare? Grazie. Roberto.
Risposta del 08 luglio 2016

Risposta di GIAMPAOLO ADDA


Buon giorno,
prima di tutto dovrebbe risolvere il problema della infezione prostatica poiché sarebbe opportuno evitare che si cronicizzi. verosimilmente il "fastidio" che lei avverte alla uretra è imputabile allo stato infiammatorio generalizzato. a mio avviso dovrebbe eseguire una Uroflussometria con residuo post minzionale per capire se ha un ristagno urinario; ciò fornirebbe informazioni sulla utilità degli alfa bloccanti. Sinceramente aspetterei ad assumere altri farmaci e valuterei la possibilità di una terapia di medicina complementare per eliminare la infiammazione prostatica e rallentarne l'ipertrofia.
Cordialità Dr Adda


Dott. Giampaolo Adda
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
Specialista in Medicina dello sport
MILANO (MI)

Il profilo di GIAMPAOLO ADDA
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Salute maschile



Potrebbe interessarti