FOCUS

Ultimo aggiornamento: 12/09/2016 00:00

Scuola al via: tutti i consigli per cominciare bene l'anno

Scuola al via: tutti i consigli per cominciare bene l’annoAnsia e nervosismo da primo giorno di scuola sono comuni non solo tra i bambini e i ragazzi che tornano dietro ai banchi, ma anche tra i loro genitori. Lo spiegano i membri della American academy of pediatrics (Aap) che hanno recentemente pubblicato una serie di consigli pratici rivolti a studenti e genitori su come affrontare al meglio il nuovo anno scolastico. «Un po' di ansia è normale e può presentarsi a tutte le età» dicono gli esperti che poi aggiungono: «è importante che i genitori spieghino ai figli che non c'è nulla di cui preoccuparsi sottolineando gli aspetti positivi del rientro a scuola come per esempio ritrovare i vecchi amici o incontrarne di nuovi».

Zaini, mensa scolastica e tanto altro ancora

Lo zaino è da sempre uno dei problemi più grandi quando si parla di scuola e non solo per il cosiddetto "caro libri" che incide non poco sul bilancio familiare. Zaini troppo pesanti o utilizzati male rischiano di creare danni anche importanti alla salute di bambini e ragazzi causando per esempio fastidiosi e dolorosi mal di schiena.
«Il peso dello zaino scolastico non dovrebbe mai superare il 10-20 per cento del peso corporeo di chi lo porta» esordiscono gli esperti della Aap. Per questa ragione è importante che i genitori ne controllino il contenuto lasciando a casa tutto ciò che non serve per la lezione del giorno.

Ma è anche importante scegliere lo zaino giusto, che non abbia una struttura troppo pesante, e utilizzarlo nel modo corretto: sempre su entrambe le spalle per distribuire in modo equilibrato il peso. «Si può optare per gli zaini con le rotelle, ma in questo caso non bisogna dimenticare che potrebbe essere complicato trascinarli nella neve o sulle scale» spiegano gli esperti.

Un altro aspetto fondamentale nei giorni della scuola: l'alimentazione. «È fondamentale per tutti gli studenti iniziare la giornata con una buona colazione che fornisce l'energia per affrontare al meglio la giornata sui banchi» ricordano i pediatri statunitensi che spiegano quanto un'alimentazione non corretta possa compromettere anche il rendimento scolastico portando a cali dell'attenzione e della concentrazione. Tutto questo e molti altri consigli nel comunicato degli esperti Aap che parla anche di tragitto casa-scuola, di bullismo, di organizzazione dei compiti a casa e di attività fisica.

Quel malessere mattutino...

"Mamma non mi sento molto bene". È solo questione di tempo: tutti i genitori devono fare i conti con la richiesta del figlio di rimanere a casa da scuola perché dice di non sentirsi bene. Il problema è capire quando questo malessere è reale e quando invece si tratta di una "scusa" per saltare un giorno di scuola.

«Se il bambino dice di avere mal di testa molto probabilmente non si tratta di una scusa» spiega Jennifer Caudle, della Rowan University di Stratford, negli Stati Uniti che poi aggiunge: «Lo stress, la mancanza di sonno e i cambiamenti nella dieta quotidiana possono causare questo disturbo all'inizio dell'anno scolastico». Il riposo ed eventualmente qualche farmaco da banco possono andare bene in questi casi, mentre bisogna prestare maggiore attenzione quando il mal di testa è causato da un trauma o quando è accompagnato da febbre o problemi alla vista.

E che fare in caso di raffreddore o sintomi influenzali? Secondo gli esperti è opportuno optare per il riposo a casa sia perché così facendo il disturbo passa prima, sia per evitare di trasmettere il virus anche ai compagni di classe.

Per le stesse ragioni è meglio tenere i bimbi a casa quando è in corso una congiuntivite.

«Anche vomito e diarrea sono buone ragioni per non mandare i figli a scuola: il rischio che il bimbo di disidrati è infatti molto alto» aggiunge Caudle. «Per qualunque dubbio sulla gravità del disturbo del proprio figlio è bene scegliere la prudenza e consultare il proprio medico» conclude l'esperta.

Back to school


© RIPRODUZIONE RISERVATA


NOTIZIE DI: Infanzia



Feed RSS







VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra