Le ricadute finanziarie delle scelte operate dalle farmacie ospedaliere

20 novembre 2015
I farmaci generici

Le ricadute finanziarie delle scelte operate dalle farmacie ospedaliere



Per scaricare la Guida completa clicca qui

Quando un paziente entra in farmacia ha la piena libertà di scegliere tra un farmaco di marca o il corrispondente equivalente. In questa situazione, con cui si è più in confidenza come cittadini, l'eventuale risparmio è diretto e personale. Quando si è ricoverati in ospedale, invece, il discorso cambia completamente. Innanzitutto perché la gestione di tutti i farmaci è centralizzata a livello della relativa farmacia ospedaliera che, in base alle necessità e alle richieste avanzate dai medici dei vari reparti, acquistano i medicinali, solitamente attraverso gare aziendali oppure centralizzate. È evidente che il paziente ricoverato, nella maggiore parte dei casi, non sa se riceve farmaci branded o equivalenti: la cosa più importante, in quel momento, è essere curati bene.

In ogni caso, il Parlamento nel tempo ha sviluppato una serie di misure per garantire l'accesso e la diffusione di farmaci innovativi sotto copertura brevettuale attraverso una politica dei prezzi puntata a calmierare il costo dei farmaci a brevetto ormai scaduto, grazie alla concorrenza generata dall'ingresso in commercio dei farmaci equivalenti, determinando un maggiore risparmio per il SSN. Nella stessa direzione va interpretato il sempre più frequente ricorso in ospedale a gare improntate alla massima concorrenza, in grado di cogliere il prima possibile il momento della scadenza brevettuale e la conseguente immissione in commercio di farmaci equivalenti, al contempo privilegiano la prescrizione per principio attivo in dimissione ospedaliera per favorire l'utilizzo degli equivalenti nella continuità della prescrizione sul territorio, in modo da ottenere un risparmio maggiore nel lungo periodo.

Attenzione, però: tutte queste possibilità di risparmio non devono essere viste come utili solo al bilancio interno dell'ospedale o del Ssn, ovvero senza ricadute sul portafoglio dei cittadini. Le Regioni, infatti, detengono la piena responsabilità della spesa ospedaliera e, in caso di sforamento, devono ripianare il disavanzo mediante proprie risorse, eventualmente anche attraverso l'aumento dell'addizionale Irpef o l'introduzione di ticket: in altre parole, un Ssn virtuoso - grazie anche all'uso degli equivalenti - può evitare l'introduzione o l'aggravio di tasse locali a carico dei cittadini.


I farmaci generici


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Salute in viaggio: i consigli dell’esperto
Farmaci e cure
19 luglio 2017
Notizie e aggiornamenti
Salute in viaggio: i consigli dell’esperto
L'esperto risponde