Quattro tazze di caffè al giorno tengono lontano il tumore della pelle

27 gennaio 2015

Quattro tazze di caffè al giorno tengono lontano il tumore della pelle



melanoma; caffeina


C'è un'associazione tra consumo di caffè e il rischio di contrarre un melanoma cutaneo maligno? Questo tumore i cui fattori di rischio, ad eccezione dell'esposizione ai raggi ultravioletti, sono ancora poco conosciuti, è stato indagato da un ampio studio epidemiologico statunitense del dipartimento Cancer epidemiology and genetics del national cancer institute, pubblicato sul Journal of national cancer institute.

I ricercatori hanno utilizzato i dati dello studio National institutes of health-aarp diet and health. Le informazioni sul consumo di caffè sono state ottenute da 447.357 persone (bianche non ispaniche) tramite un questionario somministrato nel 1995/1996, con un follow-up di 10 anni, nel corso dei quali sono stati evidenziati 2.904 casi di melanoma maligno, che è il quinto tumore più comune negli Stati Uniti, dove nel 2013 è stato causa di 9500 decessi. Tutti i soggetti inclusi nell'analisi non avevano inizialmente tumori e i valori relativi ad esposizione ad ultravioletti, indice di massa corporea, età, sesso, attività fisica, assunzione di alcol e fumo sono stati aggiustati dai ricercatori.

Ne è emerso che un più alto consumo di caffè - sicuramente dannoso per chi soffre di ulcera, pressione alta o insonnia - era però inversamente associato all'insorgere del melanoma maligno, con un rischio inferiore del 20 per cento per coloro che consumavano almeno 4 tazze al giorno. L'effetto era statisticamente significativo per il caffè con caffeina ma non per il decaffeinato. Inoltre non riguardava il melanoma in situ o in stadio 0, cioè ancora confinato negli strati superiori della pelle.


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
L'esperto risponde