Occhio pigro: per evitare danni permanenti meglio giocare d’anticipo

04 aprile 2017

Occhio pigro: per evitare danni permanenti meglio giocare d'anticipo



«Prima del compimento del quinto anno di età tutti i bambini dovrebbero sottoporsi a uno screening alla ricerca dell'occhio pigro o dei fattori di rischio per questo disturbo» affermano gli esperti della Us preventive services task force (Uspstf) che hanno recentemente pubblicato una bozza delle raccomandazioni sull'argomento.

Non è la prima volta che il gruppo di esperti americani raccomanda ai genitori di controllare almeno una volta gli occhi dei loro figli alla ricerca di eventuale occhio pigro. Come spiegano gli autori del documento, che aggiorna il precedente pubblicato nel 2011, identificare per tempo questa patologie è molto importante poiché se l'ambliopia - così viene definito in termini tecnici l'occhio pigro - non viene trattata prima dei 6-10 anni di età del bambino, si corre il rischio di danneggiare la vista in modo permanente.

Ma cos'è esattamente l'occhio pigro? «Quando è presente questo disturbo, il cervello e un occhio non comunicano in modo corretto e questo» spiegano gli esperti ricordando alcuni dei sintomi dell'ambliopia: occhi che sembrano non lavorare insieme o scarso senso della profondità. E come ricordano dalla Task force statunitense, la patologia non è poi così rara, dal momento che circa il 6 per cento dei bimbi statunitensi in età prescolare soffre di occhio pigro o di una condizione che potrebbe aumentarne la probabilità, come per esempio lo strabismo o l'incapacità di mettere a fuoco con i due occhi contemporaneamente in modo corretto.

«Il riconoscimento e la diagnosi di anomalie della vista in bambini di età prescolare permette di correggere i difetti mentre il cervello è ancora in fase di sviluppo e questo aiuta a prevenire perdite della vista e altri danni permanenti agli occhi» commenta Alex Kemper, membro della Task force e attivo presso la Duke University medical school di Durham.

Fonte: Us Preventive Services Task Force

L'esperto risponde
Potrebbe interessarti