Avaxim 0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati

Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018
Farmaci - Avaxim

Avaxim 0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Sanofi S.p.A.

MARCHIO

Avaxim

CONFEZIONE

0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati

PRINCIPIO ATTIVO
vaccino epatitico A inattivato adsorbito

FORMA FARMACEUTICA
sospensione

GRUPPO TERAPEUTICO
Vaccini virali

CLASSE
C

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
60,48 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Avaxim 0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati

immunizzazione attiva contro l'infezione causata dal virus dell'epatite A negli adulti e negli adolescenti suscettibili a partire dai 16 anni di età


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Avaxim 0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati

ipersensibilità al farmaco. Ipersensibilità a seguito di una precedente somministrazione di questo vaccino. Ipersensibilità sistemica alla neomicina, che può esser presente nel vaccino come traccia residua. La vaccinazione deve essere posticipata in caso di malattia febbrile grave in corso


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Avaxim 0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati

non sono disponibili dati clinici in merito alla somministrazione concomitante di Avaxim con altri vaccini inattivati o con vaccini ricombinati del virus dell'epatite B. Qualora si ritenga necessaria la somministrazione concomitante di Avaxim con altri vaccini, questa non deve avvenire mescolando i vaccini nella stessa siringa ma somministrandoli invece in siti separati utilizzando siringhe ed aghi differenti. Le percentuali di sieroconversione non sono state modificate quando Avaxim è stato somministrato in concomitanza, in siti diversi di iniezione, con il vaccino tifoideo polisaccaridico Vi o con il vaccino contro la febbre gialla ricostituito con il vaccino tifoideo polisaccaridico Vi. La somministrazione contemporanea di immunoglobuline e di Avaxim può essere effettuata in siti di inoculazione separati. Le percentuali di sieroconversione non sono modificate, ma i titoli anticorpali possono essere inferiori a quelli ottenuti dopo vaccinazione con il solo Avaxim. Per questo motivo, si deve valutare se il soggetto è a rischio di esposizione a lungo termine. Al momento non è nota alcuna interazione con altri medicinali


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Avaxim 0,5 ml sospensione iniettabile 1 siringa preriempita senza ago presaldato con 2 aghi separati

il dosaggio raccomandato per i soggetti a partire dai 16 anni di età è 0,5 ml per ciascuna somministrazione. Soggetti che hanno vissuto in aree altamente endemiche e/o con anamnesi di ittero possono risultare già immuni nei confronti dell'epatite A e quindi potrebbero non necessitare del vaccino. In tali situazioni deve essere eseguito un test per la valutazione dei livelli anticorpali contro l'epatite A prima di procedere alla vaccinazione. Tuttavia, la sieropositività contro l'epatite A non rappresenta una controindicazione alla vaccinazione. Avaxim risulta ben tollerato sia in soggetti sieropositivi che sieronegativi . Poiché non sono disponibili sufficienti dati relativi alla sicurezza ed all'efficacia della somministrazione di Avaxim in bambini di età uguale o inferiore a 15 anni, il prodotto non è indicato per questa fascia di età. L'immunizzazione primaria è ottenuta con 1 singola dose di vaccino. Livelli protettivi di anticorpi possono non essere raggiunti prima che siano trascorsi 14 giorni dalla somministrazione del vaccino. Dati sierologici indicano che deve esserci una protezione continuativa contro l'epatite A fino a 36 mesi dopo la prima dose nei soggetti che hanno risposto alla vaccinazione iniziale. Per ottenere una protezione a lungo termine deve essere somministrata 1 dose di richiamo di vaccino inattivato dell'epatite A. La seconda dose deve essere somministrata preferibilmente tra i 6 ed i 12 mesi seguenti la vaccinazione primaria ma può essere somministrata fino a 36 mesi dopo l'immunizzazione primaria . È dimostrato che gli anticorpi HAV (antiepatite A) persistono per diversi anni (almeno 10 anni) dopo la vaccinazione di richiamo. Nel caso in cui la vaccinazione di richiamo venisse posticipata, potrebbe verificarsi una diminuzione della risposta anticorpale antiepatite A. Se è richiesta una protezione a lungo termine, il titolo anticorpale serico antiepatite A può essere determinato dopo la somministrazione di Avaxim. Il vaccino può essere utilizzato come dose di richiamo in soggetti dai 16 anni di età vaccinati con un altro vaccino dell'epatite A (monovalente o combinato con il vaccino antitifico da polisaccaride Vi) nel periodo compreso tra 6 e 36 mesi dalla prima vaccinazione


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
La mia torta leggera al caffè con chicchi al cioccolato
Fegato
18 agosto 2017
Le ricette della salute
La mia torta leggera al caffè con chicchi al cioccolato
Caffè e tisane influenzano la salute del fegato
Fegato
01 agosto 2017
Notizie e aggiornamenti
Caffè e tisane influenzano la salute del fegato
I danni dell’alcol non vanno sottovalutati, soprattutto nei giovani
Fegato
03 aprile 2017
Notizie e aggiornamenti
I danni dell’alcol non vanno sottovalutati, soprattutto nei giovani
L'esperto risponde