Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

Ultimo aggiornamento: 02 ottobre 2015
Farmaci - Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus

Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Almus S.r.l. - Sede Operativa

MARCHIO

Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus

CONFEZIONE

1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

PRINCIPIO ATTIVO
calcio carbonato + colecalciferolo

FORMA FARMACEUTICA
polveri orali

GRUPPO TERAPEUTICO
Integratori minerali, Antiacidi Calcio

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
24 mesi

PREZZO
4,23 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

Correzione della carenza combinata di vitamina D e calcio nell'anziano; apporto di vitamina D e calcio come integrazione della terapia specifica per il trattamento dell'osteoporosi in pazienti con carenza combinata di vitamina D e calcio, oppure in pazienti con rischio elevato di tale carenza.




CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

  • Ipercalcemia, ipercalciuria;
  • Litiasi da calcio (nefrolitiasi);
  • Insufficienza renale;
  • Immobilizzazione prolungata, accompagnata da ipercalciuria e/o ipercalcemia;
  • Ipersensibilità ad uno dei componenti;
  • Gravidanza e allattamento (Vedi: “Avvertenze speciali“);
  • Il prodotto contiene aspartame, fonte di fenilalanina, pertanto esso è controindicato nei casi di fenilchetonuria.



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

  • In caso di trattamento prolungato si consiglia di monitorare il livello calcico del siero e delle urine e di monitorare la funzionalità renale dosando la creatinina serica. Il monitoraggio è soprattutto importante nei pazienti anziani già in trattamento con glucosidi cardiaci o diuretici. In caso di ipercalcemia o di insufficienza renale, ridurre la dose o interrompere il trattamento. Si consiglia di ridurre o interrompere temporaneamente il trattamento se il livello del calcio nelle urine supera le 7,5 mmoli nelle 24 ore (300 mg nelle 24 ore).
  • Considerare la dose di Vitamina D (880 U.I.) quando si assumono altri medicinali contenenti vitamina D o cibi addizionati con vitamina D.
  • Somministrazioni addizionali di vitamina D o di calcio devono essere effettuate sotto lo stretto controllo del medico. In questi casi è assolutamente necessario monitorare regolarmente i livelli serici ed urinari del calcio.
  • Il prodotto deve essere prescritto con cautela a pazienti affetti da sarcoidosi, a causa del possibile incremento del metabolismo della vitamina D nella sua forma attiva. In questi pazienti occorre monitorare il livello calcico del siero e delle urine.
  • Pazienti affetti da insufficienza renale presentano un alterato metabolismo della vitamina D perciò, se devono essere trattati con colecalciferolo, è necessario monitorare gli effetti sull'omeostasi di calcio e fosfato.



INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

  • L'uso concomitante di fenitoina o barbiturici può ridurre l'effetto della vitamina D3 per inattivazione metabolica.
  • In caso di trattamento concomitante con difosfonato, fluoruro di sodio o tetracicline per via orale, si raccomanda di lasciar trascorrere un periodo di tempo di almeno tre ore prima di assumere il farmaco (rischio di riduzione dell'assorbimento gastrointestinale del difosfonato, del fluoruro di sodio, delle tetracicline).
  • In caso di trattamento con diuretici tiazidici che riducono l'eliminazione urinaria del calcio, è raccomandato il controllo delle concentrazioni seriche di calcio.
  • L'uso concomitante di glucocorticosteroidi può ridurre l'effetto della vitamina D3.
  • In caso di trattamento con farmaci contenenti la digitale, la somministrazione orale di calcio combinato con la vitamina D aumenta il rischio di tossicità della digitale (aritmia). È pertanto richiesto lo stretto controllo del medico e, se necessario, il monitoraggio elettrocardiografico e delle concentrazione seriche di calcio.
  • È possibile che si verifichino interazioni con gli alimenti (per esempio quelli che contengono acido ossalico, fosfato o acido fitico o che hanno un alto contenuto in fibre).



POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

1 bustina al giorno.

Versare il contenuto della bustina in un bicchiere, aggiungere un'abbondante quantità d'acqua, mescolare e quindi bere immediatamente la soluzione ottenuta.

Il prodotto si somministra per via orale, preferibilmente dopo i pasti.

Da usare solo negli adulti.




SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

Il sovradosaggio si manifesta come ipercalciuria e ipercalcemia, i cuisintomi sono i seguenti: nausea, vomito, sete, polidipsia, poliuria, costipazione.Sovradosaggi cronici possono portare a calcificazione vascolare e degliorgani, come risultato dell'ipercalcemia.

Trattamento

Interrompere la somministrazione di calcio e vitamina D3 e procederealla reidratazione.




EFFETTI INDESIDERATI



Quali sono gli effetti collaterali di Calcio Carbonato + Vit. D3 Almus 1.000 mg + 880 UI gran. efferv. 30 buste

  • Costipazione, flatulenza, nausea, gastralgia, diarrea.
  • Ipercalciuria e, eccezionalmente, ipercalcemia in casi di trattamentiprolungati ad



CONSERVAZIONE



Conservare a temperatura inferiore a 25 °C e al riparo dall'umidità.




PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
L'esperto risponde