Scheda patologia

Anemia

Anemia - Definizione

Si definisce Anemia una condizione caratterizzata dalla diminuzione della quantità di emoglobina totale presente nell ' organismo . L'emoglobina è la proteina, contenuta nei globuli rossi, che trasporta l'ossigeno ai vari tessuti dell'organismo.

Anemia - Cause

Una diminuzione della produzione dell'emoglobina può verificarsi nelle cellule del midollo osseo progenitrici dei globuli rossi circolanti, a causa di un aumento del fabbisogno ( accrescimento, gravidanza, allattamento, invecchiamento ) oppure di stati patologici ( malattie genetiche, carenze di vitamina B12, di ferro o di acido folico, malattie croniche invalidanti, tumori ). L'Anemia può essere conseguenza anche di una maggiore "fragilità" dei globuli rossi che li rende più velocemente eliminabili da parte dell'organismo ( anemie emolitiche ), per cause genetiche o attivazione anomala del sistema immunitario. Infine può esservi un aumento della perdita di globuli rossi causato da un' emorragia acuta o cronica ( perdite mestruali troppo abbondanti o troppo frequenti, sanguinamenti occulti causati da una lesione dell'apparato digerente o genito-urinario ). In questi casi la perdita di ferro induce una riduzione dei depositi di questo minerale, essenziale per la sintesi dell'emoglobina.

Anemia - Sintomi

Il sintomo più evidente è il pallore della cute e delle mucose , dovute all'insufficiente apporto di ossigeno ai tessuti. Altri sintomi sono: debolezza e scarsa resistenza agli sforzi, tachicardia, mal di testa persistente, respiro accelerato, vertigini e senso di stordimento. Alcune forme di Anemia sono associate ad ingrossamento della milza.

Anemia - Diagnosi

Oltre alla valutazione obiettiva del medico , servono alcuni test di laboratorio . Con l'esecuzione dell' emocromo si quantifica il numero dei globuli rossi, quello di tutte le altre cellule del sangue ( globuli bianchi e piastrine ), l' ematocrito , la quantità dell'emoglobina totale. Altri test utili sono il dosaggio del ferro ( sideremia ) , della transferrina e della ferritina . L'eventuale presenza di emorragie nel tratto gastrointestinale viene accertata con la ricerca del sangue occulto nelle feci. L'insieme di queste indagini permette generalmente di individuare il tipo e la causa dell'Anemia.

Anemia - Cure

Nelle anemie da carenza di ferro, la forma più comune di Anemia, si deve in primo luogo rimuovere la causa di un sanguinamento o ridurre le perdite ginecologiche . Preparati farmacologici di ferro, vitamine del gruppo B o acido folico vanno assunti nelle forme di Anemia dovute a carenza di questi elementi ( anemie carenziali ), per via orale o parenterale. Le anemie emolitiche autoimmuni richiedono la somministrazione di corticosteroidi o immunosoppressori. Il trapianto di midollo osseo può essere indicato nelle anemie aplastiche. Trasfusioni di sangue vengono usate nelle forme anemiche gravi.

Anemia - Cure alternative

In campo omeopatico si suggerisce la somministrazione di Ferrum phosphoricum, Natrum muriaticum e Picricum acidum. L'agopuntura prevede applicazioni utili a migliorare l'assorbimento dei principi nutritivi. Piante medicinali largamente impiegate sono i tonici come il ginseng e l'angelica cinesi oppure quelle ricche in ferro quali tarassaco, ortica e romice gialla.

Anemia - Alimentazione

L'alimentazione corretta è fondamentale per prevenire e curare le forme dovute a carenza di ferro e di vitamina B12. La migliori fonti alimentari di ferro sono le carni rosse , in quanto il ferro contenuto nei vegetali è meno facilmente assimilabile. Importanti anche gli alimenti ricchi di vitamina C ( agrumi, frutta in genere, verdura ), poiché questa sostanza è necessaria all'assimilazione del minerale. Fonti di vitamine del gruppo B sono le carni, i latticini e i legumi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



AREE INTERESSE: Circolazione sanguigna

Cerca nel dizionario medico:


 Italiano     Inglese