Ansia

30 marzo 2016

Ansia



Definizione

Condizione psicologica caratterizzata da preoccupazione, inquietudine o timore senza un motivo apparente.

Cause: fattori psicologici e basi biologiche

Possono essere identificate due ordini di cause. Da una parte ci sono i fattori psicologici e caratteriali: quando la risposta agli stress, come la rottura di relazioni importanti o eventi che mettono in pericolo la vita, è inadeguata o si è sopraffatti dagli eventi, può insorgere un disturbo d'ansia. Un secondo schema di spiegazione punta invece alle basi biologiche. È stata infatti ipotizzata la presenza di uno squilibrio nel funzionamento di vari sistemi di neurotrasmettitori (soprattutto i sistemi noradrenergico, serotoninergico e gabaergico). Questo squilibrio favorirebbe una risposta scorretta e inappropriata davanti a stimoli potenzialmente pericolosi.

Sintomi più comuni dell'ansia

La persona soggetta ad ansia avverte costantemente un senso di preoccupazione e di angoscia e non riesce a controllare queste emozioni. Spesso è soggetta a cambiamenti di umore, irrequietezza, irritabilità e disturbi del sonno. Può presentare inoltre problemi di memoria, difficoltà di concentrazione e stanchezza. Una manifestazione acuta dell'ansia sono gli attacchi di panico, che consistono in una improvvisa e intensa sensazione di terrore, accompagnata da cardiopalmo, mancanza di fiato, tremori, nausea, sudorazione fredda. L'ansia può anche essere sintomo di altre malattie ed essere associata a depressione.

Diagnosi d'ansia

La diagnosi si basa sull'anamnesi e sulla sintomatologia. Una storia familiare di disturbo d'ansia può essere d'aiuto.

I farmaci per curare l'ansia

I farmaci più usati per la cura dell'ansia sono i tranquillanti della classe delle benzodiazepine. Si tratta di medicinali efficaci, ma da somministrare con cautela perché presentano effetti collaterali e creano dipendenza, soprattutto se vengono usati per lunghi periodi di tempo. Il buspirone, un farmaco contro l'ansia che non appartiene alla classe delle benzodiazepine, non crea dipendenza, ma può richiedere più tempo per avere effetto. Alcuni antidepressivi sono efficaci per il trattamento del disturbo d'ansia ed agiscono spesso rapidamente. Le tecniche psicoterapeutiche, eventualmente associate al trattamento farmacologico, possono essere molto utili per l'identificazione dei fattori psicologici alla base dell'ansia. L'ansia può essere trattata anche con tecniche di rilassamento e ipnosi.

Cure alternative: fitoterapia, omeopatia, fiori di Bach e agopuntura

Fra i prodotti d'erboristeria, la kava e la valeriana sembrano avere proprietà benefiche; la passiflora aiuta a rilassarsi, mentre l'iperico, può essere utile per l'ansia accompagnata da depressione. Segnalati anche trattamenti omeopatici, fiori di Bach, agopuntura e aromaterapia.

Curare l'ansia con l'alimentazione

È molto importante tenere sotto controllo i livelli glicemici perché un loro abbassamento può scatenare o intensificare l'ansia. A ogni pasto è bene assumere una buona quantità di frutta e verdura fresca.

L'esperto risponde
Potrebbe interessarti
Giornata delle Malattie rare 2017 dedicata alla ricerca
Mente e cervello
27 febbraio 2017
Focus
Giornata delle Malattie rare 2017 dedicata alla ricerca
Conoscere l'epilessia per cancellare i pregiudizi
Mente e cervello
13 febbraio 2017
Interviste
Conoscere l'epilessia per cancellare i pregiudizi
Depressione post partum: può colpire anche i papà
Mente e cervello
08 febbraio 2017
News
Depressione post partum: può colpire anche i papà