Faringite acuta

29 agosto 2017

Faringite acuta



Definizione


Le infezioni acute dell'oro-faringe sono causa frequente di ricorso al medico e rappresentano l'1-2% di tutte le visite ambulatoriali. Possono essere determinate da numerosi agenti infettivi, che in un terzo dei casi non vengono identificati.

Cause


I patogeni più comuni sono i virus respiratori, soprattutto rinovirus e coronavirus, seguiti dai virus dell'influenza e della parainfluenza e dagli adenovirus. Circa il 5-15% dei casi di faringite nell'adulto è causato da streptococchi beta-emoitici.

Sintomi


Il sintomo tipico di presentazione è un sintomo aspecifico, il mal di gola. Nelle forme dei virus respiratori il mal di gola è spesso accompagnato dai sintomi del raffreddore, nella forma influenzale da febbre, mialgie, cefalea e tosse, mentre in un terzo dei casi di faringite da adenovirus è presente congiuntivite. La faringite acuta streptococcica varia da una sintomatologia lieve alla presenza di intenso dolore locale, febbre, edema delle tonsille, essudato faringeo, cioè formazione di un liquido infiammatorio extravascolare, e tumefazione dolente dei linfonodi cervicali anteriori.

Diagnosi


L'importanza della diagnosi consiste nel riconoscere la faringite streptococcica, per poter iniziare al più presto la terapia antibiotica. La faringite streptococcica deve essere differenziata da quella causata dagli altri agenti patogeni. L'isolamento dello streptococco dal tampone faringeo è il miglior test per la diagnosi di faringite streptococcica. L'esito del test non è, però, in grado di distinguere fra infezione acuta e colonizzazione. I test di ricerca rapida dell'antigene hanno una buona sensibilità e possono essere utilizzati per un primo orientamento in combinazione con i parametri clinici. Questi consistono nella presenza di almeno tre dei seguenti segni: febbre, essudato tonsillare, dolore ai linfonodi, assenza di tosse e raffreddore.

Cure


Tutti i pazienti con faringite dovrebbero ricevere una terapia sintomatica con analgesici, antipiretici, ed eventualmente gargarismi con colluttori. La terapia antibiotica dovrebbe essere riservata ai soli pazienti con infezione da streptococco beta-emolitico di gruppo A, con l'intento di evitare complicanze quali febbre reumatica e glomerulonefrite acuta. L'antibiotico di prima scelta è la penicillina, ma nei pazienti allergici a quest'ultima si può usare l'eritromicina. Fonte: Rugarli


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti