L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

20/03/2008 12:11:13

Cornea guttata

É possibile applicare lenti a contatto su cornea guttata?
E quale tipo di lente è consigliabile applicare? Per quali motivi?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/03/2008

La cornea guttata è altrimenti detta
Distrofia ENDOTELIALE DI FUCHS
La Distrofia di Fuchs è una Distrofia comune che si manifesta tardivamente e solo di rado in infanzia. Benchè di solito si trasmetta come autosomica dominante, la maggior parte dei pazienti sono donne. Di regola il coinvolgimento è bilaterale con rari casi in cui è unilaterale. Il segno caratteristico di questa condizione è l'edema corneale
La Distrofia di Fuchs, di solito, si osserva nella quinta o sesta decade di vita ed è più comune nelle donne. È bilaterale ed è comunemente ereditata con modalità dominante. Il difetto fondamentale è un progressivo deterioramento dell’endotelio. Le cellule endoteliali negli adulti non hanno una capacità mitotica significativa, e quando sono sottoposte a logoramento, la popolazione di cellule che sopravvive deve allargarsi e diffondersi per mantenere un monostrato intatto e per rimanere funzionalmente competente come barriera e come pompa per mantenere il turgore corneale. Quindi, come per i pazienti con cornea guttata, la pachimetria seriale e la microscopia speculare sono utili per seguire il processo della malattia. Di solito si sviluppa un ispessimento della membrana di Descemet sia localizzato che diffuso, con progressiva degenerazione e disfunzione dell’endotelio. Un edema clinicamente evidente comincia dal centro e si diffonde alla periferia. Con l’avanzare dell’edema stromale a coinvolgere l’epitelio, il sollevamento microbolloso dell’epitelio comincia a far diminuire l’acuità visiva ed esordisce la cheratopatia bollosa. Quando queste bollicine si rompono, il paziente sperimenta una sensazione di corpo estraneo o di dolore, che può essere alleviato da lubrificanti, dall’occlusione o da lenti a contatto morbide. Alla fine, sia per il benessere del paziente, sia per la riabilitazione visiva, è necessaria la cheratoplastica penetrante. La Distrofia di Fuchs è una frequente indicazione al trapianto di cornea, rendendo conto del 6-16 % dei pazienti trapiantati. La prognosi è buona. Nei rari casi in cui la cheratoplastica non è indicata, la cauterizzazione della lamina del Bowman può dare un sollievo sintomatico. Il decorso della Distrofia può essere accelerato dopo la rimozione di Cataratta o altri interventi di chirurgia oculare, e si dovrebbe prestare la massima attenzione per minimizzare il trauma intraoperatorio. All’esame istologico, le sequele dell’edema cronico epiteliale e stromale sono preminenti. Anteriormente, si sviluppano anomalie del complesso di adesione della membrana basale, a causa dei ripetuti scollamenti dell’epitelio edematoso. Vi sono sporadiche rotture nella lamina del Bowman, e detriti subepiteliali e un panno fibrovascolare raccolti nelle zone di edema bolloso. Le anomalie più vistose sono il diffuso ispessimento della membrana di Descemet (spesso fino a 20 micron e più) e le escrescenze che si proiettano posteriormente, che corrispondono alla guttata che appare clinicamente. L’evidenza istologica di una funzione anomala della cellula endoteliale si ha molti anni prima che compaiano i segni clinici della cornea guttata e dell’ispessimento della membrana di Descemet. L’esame ultrastrutturale mostra che porzione abnorme di membrana di Descemet di nuovo deposito consiste in fasci e lamine di bande collagene ampiamente distaccate e da laminazioni multiple di materiale di membrana basale. Le cellule endoteliali rimanenti appaiono in vari stadi di degenerazione. Il foglietto collageno posteriore anormale della Distrofia di Fuchs può essere considerato un analogo del deposito dei collagene in eccesso e del materiale di membrana basale che si trova in altre circostanze di “sindrome da distress endoteliale”.
Quindi non solo si possono usare le lenti a contatto ma a volte sono anche terapeutiche.
Un saluto.
http://siravoduilio.beepworld.it

Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra