L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

25/09/2008 18:08:45

Diagnosi di emovitreo

Egregio dott. sono una signora di 44 anni non presento nessun tipo di patologia,posso dichiararlo in quanto ho effettuato delle analisi,eppure mi è stato diagnosticato un emovitreo all'occhio dx,da ormai 28 giorni;anche i medici che me lo hanno diagnosticato non sanno spiegarsi la causa scatenante ,perchè come lo ho già detto non sono affetta da nessuna patologia,leggendo mi sono informata su questa mia patologia ed ho capito l'emovitreo è una patologia che solitamente (tranne rarissime eccezioni) colpisce soggettiu ipertesi o che hanno storia clinica di diabete e glaucoma,ma ora mi chiedo faccio parte dell'eccezione?quanto tempo dovro' ancora aspettare? sto facendo una terapia a base di cortisone . cordialmente Giuseppina

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/09/2008

Carissima Giuseppina,
l'emovitreo, è un' emorragia che partendo dalla retina o dal disco ottico invade lo spazio del vitreo (un gel che riempie la maggior parte dell'occhio), è una causa frequente di grave calo della vista. Infatti il sangue fuoriuscito non permette alla luce di arrivare alla retina.
L'emovitreo può anche riassorbirsi da solo, almeno in parte, se l'emorragia è di lieve entità. Sono i casi più fortunati, con un discreto recupero della funzionalità visiva.
Se l'emovitreo non si riassorbe od è di grave entità l'unica alternativa è la sua asportazione mediante un intervento chirurgico chiamato vitrectomia
Eziologia:
Retinopatia diabetica (storia di Diabete e retinopatia diabetica di solito nell'occhio controlaterale).
• Rottura retinica (Comunemente superiore nell'emovitreo denso. Diagnosi ecografia e Depressione sclerale).
• Distacco di retina (diagnosi: se la retina non puo essere esplorata con l'oftalmoscopia eseguire ecografia).
Occlusione venosa retinica (generalmente di branca). (soprattutto in anziani ipertesi e con anamnesi di occlusione venosa o improvvisa perdita visiva da mesi o anni).
• Distacco posteriore vitreo (mezza età o anziani che notano opacità fluttuanti e flashes luminosi).
• DMS (anziani con scarso visus precedente all'emorragia per la degenerazione maculare senile. Nell'altro occhio: drusen maculari e/o altri reperti di DMS).
• Malattia falciforme. Sardi, siciliani, afroamericani. Può esservi neovascolarizzazione della retina periferica nell'occhio controlaterale, tipicamente in una configurazione "seafans".
• Trauma.
Tumore intraoculare (oftalmoscopia o ecografia).
Emorragia subaracnoidea o subdurale (Sindrome di Terson) (frequenti emorragie bilaterali preretiniche o del vitreo. Generalmente i reperti del fondo sono preceduti da una grave Cefalea . Talvolta coma).
Malattia di Eales (uomini di 20-30 anni, con ischemia retinica periferica e vascolarizzazione dall'eziologia
sconosciuta. Il segno di presentazione è frequentemente una diminuzione del visus per l'emorragia vitreale spesso bilaterale ed è una diagnosi da esclusione).
• Altri (malattia di Coats, retinopatia da prematurità, angiomi capillari retinici della Sindrome di Von Hippel-Lindau, anastomosi vascolare prepapillare congenita, Ipertensione , retinopatia da radiazioni, emorragia del segmento anteriore in seguito a IOL, altro).
. Infanzia: retinoschisi, maltrattamenti (shaken baby), trauma da parto

Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
http://www.beepworld.it/members/drsiravoduilio/
http://siravoduilio.it.gg


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra