L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

11/11/2006 19:55:52

Disturbo senza causa apparente

Aggiornato al 4 settembre 2006


DESCRIZIONE PROGRESSIONE SINTOMATOLOGICA

ESORDIO: primi di ottobre 2004
Improvvisi episodi (distanziati, fra loro, di 15 gg.), di rigonfiamento della ghiandola parotidea destra in concomitanza con l’introduzione del cibo.
Entrambi gli episodi sono rientrati dopo pochi minuti di massaggi.
Qualche giorno dopo, sempre successivamente al pranzo, ho avvertito la sensazione di presenza di corpo estraneo nella prima parte esofagea sempre sul lato destro.
Tale disturbo mi procurava anche il rigonfiamento dell’attaccatura della lingua impedendomi la naturale respirazione e obbligandomi alla continua deglutizione.
Dimagramento di 5 Kg. In una settimana.
Novembre: attraverso il medico di base ho avviato i seguenti accertamenti:
1. Visita otorinolaringoiatria = negativa
2. Esofagogastroscopia = negativa
3. Tiroide e tiroidite = negativa
4. markers tumorali = negativi
5. Endoscopia delle prime vie esofagee = negativa
6. Ecotomografia ghiandolare per sospetta calcolosi = negativa
Sono entrata in terapia per una non bene diagnosticata patologia da reflusso gastroesofageo assumendo quotidianamente 20 mg. Di inibitore di pompa.
Tal terapia sembrava, in principio, aver fatto regredire il tutto sino alla fine di dicembre 2004, quando, in concomitanza di uno stato influenzale, ho ripreso a star male.
Ho riavviato i controlli portando a 40 mg. l’assunzione dell’inibitore di pompa che mi permetteva di gestire il disturbo ma senza mai eliminarlo.
Nel 2005, sempre sotto terapia, ho effettuato una seconda gastroscopia, sempre negativa.
Analisi costanti del sangue anche questi sempre nella norma.
Si sono aggiunti acufeni all’orecchio destro.
Marzo 2006: ho avvertito dolori al fianco destro, ho effettuato le analisi del sangue dalle quali è risultato un lieve aumento del GGT .
Di mia iniziativa ho ridotto a 20 mg. l’inibitore di pompa e ho voluto rifare l’ecotomografia alle ghiandole parotidee.
Tale esame ha rilevato una stenosi al canale destro.
Il medico di base mi prescrive ora una visita specialistica dall’otorino che effettuerò il 9 settembre 2006.
A tutt’oggi tale sintomatologia persiste, mi obbliga a massaggi continui sotto entrambe le orecchie.
A volte vengo assalita da forti dolori sempre sotto le orecchie.
Durante la giornata l’attaccatura della lingua e la lingua stessa mi bruciano intensamente.

Mi scuso per la lunga premessa, ma non so più a chi rivolgermi per avere una possibile diagnosi.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/11/2006

Mi sembra che la persona piu' adatta a risolvere il suo caso sia l'otorinolaringoiatra. Tuttavia, poiche', almeno una parte dei suoi disturbi potrebbero essere correlati a un reflusso gastro-esofageo, le consiglio di proseguire la terapia con inibitori di pompa a dosaggio pieno, anzi per un mese anche a dosaggio doppio (40 mg. x 2) come e' indicato anche dai dati piu' recenti della letteratura internazionale.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra