L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

16/09/2008 23:48:31

Dolori al collo durante rapporto sessuale

Salve, qualche giorno fa ho iniziato ad accusare dolori al collo (a metà tra la base del collo e il mento, nella parte davanti sotto al mento, alla mia sinistra) quanto ho provato a particare masturbazione.
Le prima volte il dolore è stato più leggero e poi via via più forte... sono passati circa 5 o 6 giorni da quando ho cominciato ad accusare questo dolore.
Il dolore non mi viene dall'erezione, la quale non mi causa nessun problema, ma dallo sfregamento verticale, e per l'esattezza solo nel momento in cui inizio a sentire piacere..
La sensazione è strana da descrivere: inizialmente ho pensato di avere un vena del collo ostruita da qualcosa: nel momento in cui comincio a sentire piacere forte il collo in quel punto incomincia a pulsare molto forte, e ad ogni pulsazione (le pulsazioni seguono le pulsazioni del cuore) sento delle fitte acute che si propagano verticalemente in quella zona.
Tuttavia allenandomi a frequenze cardiache anche piuttosto elevate la cosa non mi scatena quel problema, Nè parrebbe un problema muscolare dato che neppure sollevando pesi o facendo sofrzi con il collo il problema si fa vivo..
Accuso quel tipo di dolore, come se avessi un nervo molto infiammato, ma un nervo che si stimola solo nel momento sopra spiegato.
Devo far presente che io mi alleno molto spesso e sforzo tutti imuscoli del corpo, anche il collo... tuttavia, come già detto, durante gli allenamenti non succede nulla..
Ultima precisazione: se mi masturbo prolungatamente, ingorando le dolorose fitte, fino al coito, dopo mi resta un forte indolenzimento nel punto in questione.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del19/09/2008

Gentile Signore ,
in situazioni clinche particolari e non frequenti come quella da lei riferita, senza una valutazione clinica diretta ed accurata, è impossibile formulare una risposta corretta , cioè capire l'eventuale causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico . Bisogna, a questo punto, consultare un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.



Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra