L'esperto risponde

Domanda di: Occhio

07/08/2008 19:59:41

Epiteliopatia sierosa cronica

Può tale malattia derivare dall'uso prolungato ai videoterminali dove ho lavorato tanti anni, senza visite mediche di controllo, mentre alla prima visita, dopo tante mie insistenze, sono stato dichiarato non idoneo?.
Posso eventualmente fare causa al mio datore di lavoro?
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del11/08/2008

Gentile paziente,
la corioretinopatia sierosa centrale o sindrome di Masuda è una patologia a eziologia solo parzialmente nota, in cui sono coinvolti tratti di personalità e predisposizione genetica. Nella epiteliopatia multifocale prevale di gran lunga la predisposizione genetica.
Nessuna delle due condizioni può in ogni caso essere determinata dall'uso di videoterminale.
Le visite periodiche per videoterminalisti sono previste dalla legge,ne parli con il Medico Competente della sua ditta.
Cordiali saluti

Dott. Federico Friede
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
VICENZA (VI)

Risposta del25/08/2008


Carissimo,

la corioretinite sierosa centrale o Sindrome di Masuda è elettivamente diagnosticabile ,sia in fase acuta che per descrivere gli esiti distrofici dell'epitelio pigmentato retinico ad essa ascrivibili,appunto solamente con la FAG.
Inoltre, essendo tipica di persone molto ansiose e/o stressate,bisognerebbe regolare anche questo aspetto costituzionale di tali pazienti,altrimenti vi possono essere episodi subentranti che scelgono come bersaglio la retina per una questione che è caratteriale e quindi connaturata al paziente stesso.
In questi casi si deve pensare a trattare i pazienti anche con piccole dosi di benzodiazepine(tranquillanti minori)e/o con sedute fotocoagulative.
Sono a Sua disposizione per qualsiasi chiarimento!




Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
http://siravoduilio.it.gg


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)



Altre risposte di Occhio


© RIPRODUZIONE RISERVATA