L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

21/05/2008 19:53:10

Focolai da toxoplasmosi

Sono una donna di 39 anni è nel 1991 dopo tre mesi dal parto di mia figlia che era andato discretamente bene ,un giorno mentre volevo fotografare la piccola purtroppo mi accorgo chedall'occhio destro non riesco a vedere nulla , per farla breve vado da due oculisti che mi diagnosticano due focolai da toxo e mi danno le cure adatte che mifanno spegnere i focolai ma mi rimangono le cicatrici . chiedo all'esperto se c'è una soluzione al problema perchè un'altranno dovrò rinnovare la patente che è stato un problema allora risolto perchè il medico dell'asl mi ha dato il certificato non so chi troverò volevo sapere se si possono togliere queste cicatrici o se posso usufruire di qualche legge di invalidi grazie anticipatamente per la risposta ciao.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/05/2008

Gentile paziente,
purtroppo la retina fa parte del tessuto nervoso, che non ha capacità di rigenerare. Ciò comparta che una cicatrice è un danno definitivo e non c'è, allo stato attuale della scienza, un metodo di guarire o sostituire la parte di retina cicatrizzata.
Per quanto riguarda la patente (di tipo B) se l'altro occhio è sano non ci dovrebbero essere problemi. Per sicurezza vada comunque a fare una visita oculistica due-tre mesi prima del rinnovo della patente.
Cordiali saluti



Dott. Federico Friede
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
FELTRE (BL)


Risposta del24/05/2008

Carissima,
La toxoplasmosi è causata da infezione del Toxopl Asma gondii, un protozoo parassita. La toxoplasmosi congenita è un'infezione che origina a seguito del passaggio transplacentare dei parassiti dalla madre infetta al feto. L'infezione acuta materna in corso di gravidanza si associa a quadri clinici variabili, dall'infezione subclinica alla morte intrauterina. Il danno al sistema nervoso centrale (calcificazioni cerebrali, idrocefalo, microcefalia) e la coroidoretinite sono le più significative espressioni della morbidità non fatale. Il neonato spesso mostra basso peso alla nascita, fegato e milza ingrossati, Ittero , Anemia , petecchie e danno oculare, con infiammazione retinica. I bambini, che sono apparentemente normali alla nascita, possono in seguito sviluppare danni associati all'infezione. La diagnosi della toxoplasmosi congenita si basa sul test con PCR nel liquido amniotico. In caso di siero conversione durante la gravidanza (tra 5.000 e 10.000 casi all'anno in Francia), la percentuale di trasmissione transplacentare del toxopl Asma varia dal 6%, alla 13° settimana di gravidanza, al 72% alla 36° settimana. Anche se l'efficacia della terapia è dibattuta, il trattamento precoce può prevenire l'ulteriore evoluzione del processo infettivo e lo sviluppo di handicap nei bambini.
Una volta che le lesioni retiniche ,o per non essere curate o perchè la terapia non ha fatto effetto nella fase acuta,sono esitate in cicatrici corioretiniche è ovvio che in quanto tali sono irreversibili.

Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it





Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra