L'esperto risponde

Domanda di: Occhio

19/01/2010 11:08:57

Infiammazione delle palpebre

Ho da circa un anno un arrossamento delle palpebre sia inferiore che superiore, senza secrezioni ma con leggero arrossamento, gonfiore e prurito, non è cronico ma a volte piu' leggero e a volte molto insistente, persino di notte mentre dormo. Ho provato con antistaminici per via orale e pomate al cortisone ma solo con blandi risultati, sono in menopausa, uso solo occhiali da vicino e la vista da lontano è ottima, lavoro al computer ma non per molte ore. E' un fenomeno che si presenta in tutte le stagioni.
Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del24/01/2010

Carissimo,
sicuramente siamo in presenza di una Blefarite disreattiva!!
Le cause della Blefarite
Sono molteplici i fattori che possono essere causa di Blefarite :
- Infezioni batteriche: il batterio responsabile dell’infiammazione è quasi sempre lo stafilococco, che attacca i follicoli delle ciglia e le ghiandole di Meibomio, alterando la normale secrezione di sebo e infettando così l’occhio.
- Malattie della pelle: dermatite seborroica e acne Rosacea , per esempio, possono essere causa di Blefarite .
- Allergie: le allergie indeboliscono l’occhio, esponendolo maggiormente al rischio di infiammazioni.
- Problemi alimentari: Diabete , alimentazione scorretta, infiammazioni croniche intestinali possono essere causa di alterazioni secretorie degli occhi e, di conseguenza, di infezioni oculari.
- Fattori ambientali: fumo, vento, polvere, affaticamento visivo, uso eccessivo di lenti a contatto sono tutti fattori che incrementano la possibilità di irritare l’occhio e di causare un’infiammazione.




Le cure
Le cure si basano principalmente sul mantenimento di una corretta igiene oculare e palpebrale, sia come terapia per la Blefarite sia come strumento di prevenzione contro infezioni oculari.
Le cure si basano su:
- Impacchi di acqua tiepida: una garza imbevuta di acqua tiepida e bicarbonato (1 cucchiaino in mezzo litro d’acqua), tenuta sugli occhi chiusi per circa 5-10 minuti, può essere utile per ammorbidire le croste che l’infezione tende a formare.
- Massaggio palpebrale: attraverso il massaggio palpebrale, che si effettua sia sulle palpebre superiori che inferiori, si favorisce la fuoriuscita delle secrezioni che rimangono all’interno del dotto ghiandolare a causa dell’occlusione provocata dall’infiammazione. Prima di intervenire con il massaggio palpebrale è necessario consultare il medico, che potrà fornire tutte le indicazioni necessarie per effettuare il massaggio nel modo più corretto ed evitare così il possibile aggravarsi dell’infezione in seguito a movimenti sbagliati.
- Pulizia e detersione: le palpebre devono essere pulite accuratamente almeno 2 volte al giorno con appositi prodotti che favoriscono la rimozione delle squame (detergenti a pH simile a quello fisiologico, senza allegenizzanti, pomate oftalmiche antibiotiche prescritte dal medico). Nel caso in cui la Blefarite sia causata da malattie della pelle (seborrea, forfora...) è inoltre necessario curare contemporaneamente anche queste malattie con prodotti idonei (shampoo, lozioni).
- Utilizzo di cosmetici e farmaci non irritanti

Un caro saluto


a href="/Duilio_Siravo?esp=12942" Dott. Duilio Siravo /a
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Oftalmologia
Pisa (PI)




Altre risposte di Occhio


© RIPRODUZIONE RISERVATA