L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

10/07/2007 23:27:49

Lutto?

Sono una ragazza di 39 anni, sono sincera sensibile, nella mia vita, ho perso molti amici, in giovane età, e questo mi fece male, poi ho trovato un ragazzo che mi lascia dopo 6 mesi, soffro, ma poi mi rimetto in gioco, cercando il grande amore, al età di 32 anni conosco un ragazzo tedesco, in vacanza, mi innamoro perdutamente, lui dice di amarmi, dopo 6 mesi mi lascia incinta, e scopro che è malato forse schizzofrenico, non lo hò mai saputo di cosa soffriva, ma non rea normale, purtroppo, non parlando la stessa lingua riesco a scoprirlo troppo tardi, avevo preso la pillola, ma non funzionava, e il ginecologo, mi aveva consigliato di smetterla, e li sono rimasta, scopro che c è qualcosa che non và, torno a casa, senza lavoro e aiuto decido per l aborto lo faccio, e poi passo 3 anni in bagno a fumare fino alle 3 di mattina, e inizio a prendere il minias per dormire, 150 gocce, dopo tre anni conosco un ragazzo bello, che dice di amarmi e che vuole un figlio, quello che aspettavo da una vita, ci sto per 1 anno e mezzo, poi una sera a mezzanotte e mezza mi dice, basta non ti amo più, il giorno dopo vado da lui in lacrime, e lui mi dice vai fuori dai cogl... sei come la mia ex moglie solo un po più bambina, mi prendo per uccidere la delusione, mezza bottiglia di minias, non riuscivo più a lavorare, poi mi chiama una mia ex datrice di lavoro, e mi promette di darmi un lavoro bello impegnativo come piace a me, mi dico, vado li mi butto nel lavoro e dimentico, quindi mi licenzio e vado da questa, dopo due mesi lavorando 11 ore al giorno, mi licenzia, mi trovo dopo 2 anni dipendente dal minias, e con la depressione, riesco un pò ad uscirne, ma riperdo il lavoro e un figlio che stavo aspettando, questo aborto spontaneo mi succede 5 mesi fà, ho mollato tutto, faccio fatica, ma spero di farcela. cosa ne pensate di questo? cosa devo fare? continuo la cura, penso di sì! grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/07/2007

Cara paziente
non capisco cosa intende per continuare la cura. Se stesse meglio per una cura fatta, continui a farla per parecchi mesi.

Mi sembra che ella abbia due problemi (entrambi procurati e peggiorati dalle vicissitudini della sua vita affettiva), il primo la dipendenza da Minias e il secondo la Depressione (qualsiasi cosa si intende con questa parola). Il problema del minias dovrebbe essere affrontato solo dopo aver controllato la Depressione , altrimenti sarebbe difficile combattere su due fronti contemporaneamente.

In ogni caso, sia pe r la terapia della Depressione sia per lo svezzamento dalla dipendenza dal minias, è necessario che ella si rivolga a uno psichiatra (nel pubblico o nel privato) che la possa seguire.

Auguri

Dott. Paolo Decina
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
ROMA (RM)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra