L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

27/07/2007 02:48:38

Nicturia e riduzione del liquido spermatico

Gentile dottore, sono un maschio 33 anni eterosessuale senza figli, coniugato. Ultimamente, da circa 6 - 8 mesi, soffro di nicturia ( mi alzo 1 volta a notte ) dovuta piu' al fastidio della sopraggiunta erezione che alla quantita' stessa di urina da espellere, e riduzione della quantita' di sperma talvolta accompagnato da riduzione anche della gittata del liquido seminale. Talvolta la sintomatologia si accentua quanto + sono ravvicinati i rapporti sessuali e i momenti di stress. Al contrario se lascio passare 3-4 giorni con adeguati preliminari, e relativo aumento del desiderio, ho piu' o meno una eiaculazione soddisfacente su ambo i piani. Devo riferirle che soffro di Calcolosi renale lieve ( con renella ) e all' ecografia transaddominale pre e post minzionale le dimensioni della prostata e della vescica sono risultate normali, ma con esiti di pregresse prostatiti. Inoltre possiedo un varicocele di I grado ( quest' ultima diagnosi e' stata soggetta a vari pareri discordanti: clinicamente alla palpazione e' positivo, ma al ColorDoppler scarsamente positivo per un I grado ). Oltre uno spermiogramma ed ecografia prostatica transrettale che cosa mi consiglia di fare? Cortesemente mi direbbe verso quale patologia e ' orientato ( ovviamente sono conscio che questa e' una consultazione telematica! ). X motivi di lavoro vivo a Londra e prima di prenotare 1 visita in Italia, nel mio prossimo rientro, vorrei avere le idee chiare su cosa e chi interpellare. Grazie 1000 e saluty!

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/09/2007

Caro lettore ,
i sintomi riferiti farebbero pensare ad una possibile infiammazione e congestione delle vie uro-seminali. Ripeta un esame del liquido seminale con una valutazione colturale completa e relativo antibiogramma e poi consulti un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra