L'esperto risponde

Domanda di: Mente e cervello

10/10/2008 21:12:34

Osteofitosi

Salve,
mi chiamo Giuseppe e ho 49 anni.
a causa di perdita di forza al braccio destro, mi sono sottoposto a visita neurologica dove alla risonanza magnetica comparivano segni di protrusioni discali a carico di alcuni spazi intersomatici, in particolare in C6-C7.
La situazione è andata via via peggiorando fino a Luglio 2008. Ho ripetuto la risonanza magnetica che viene refertata come segue:

Sono state eseguite sequenze nei piani saggittale ed assiale con immagini peste in T1 e T2.

RM Cervicale:
A livello del tratto compreso tra C4 e C7 si ossserva la riduzione dello spazio subaracnoideo per la presenza di impronte interessanti anche la corda midollare, che in prossimità di C6-C7 sembra mostrare puntiformi alterazioni disegnale, sostenute sia da protrusioni discali circoscritte che da osteofitosi a partenza dalle limitanti somatiche contrapposte tali reperti appaiono suggestivi per probabile mielopatia su base spondilosica.

Rm dorsale:
Non alterazione della morfologia della corda midollare nè chiari foci di alterato segnale ad esso intrinseci. Normalmente rappresentato lo spazio subaracnoideo perimidollare.

Rm lombare:
A livello L4/L5 il disco appare caratterizzato da un segnale alterato per fenomeni degenerativi, lo stesso risulta inoltre protrudente verso il canale spinale dove causa una significativa impronta sul profilo anteriore del sacco durale in sede mediana e paramediana soprattutto destra, suggestiva per focalità erniaria.
Anche il disco compreso rispettivamtne tra L3/L4/L5/S1 mostra un accenno a protrusione discale diffusa.
Cono midollare normalmente posizionato ed esente da alterazioni di segnale.

Ho consultato un neurochirurgo che dopo una breve visione delle immagini, non ravvedendo gravi compressioni midollari, mi consigliava di eseguire una TAC alla colonna 2 spazi, che ho eseguito il 11/09/2008, che viene refertata così:

L'esame TC é stato eseguito secondo piani di scansione assiali, in corrispondenza degli spazi intersomatici C5-C6 e C6-C7.
Marcati segni di spondilosi intersomatica con grossolani osteofiti marginali; in particolare inoltre si segnalano irregolarità osteofitosiche del muro so,atico posteriore: in C5-C6 in sede paramediana bilaterale, con maggiore salienza a dx. In C5-C6 riduzione d'ampiezza del forame di coniugazione sinistro per irreglarità osteofitosica del muro somatico posteriore in sede paramediana-foraminale sinistra.

Nel guardare le immagini il neurochirurgo mi ha fatto notare addirittura che un neuroforame è completamente occluso e quindi mi ha prospettato la possibilità di un intervento chirurgico alla colonna cervicale.
Nel frattempo purtroppo soffro a causa di un indebolimento degli arti inferiori affaticati e gli arti superiori presentano ipotrofia con impaccio nei movimenti anche delle dita delle mani.
Faccio bene a sottoppormi all'intervento (in SLM, come mi è stato spiegato) o sarebbe più opportuna una cura con FANS?
Del resto pur temendo l'intervento ho paura anche di perdere del tempo prezioso.

Rimango in attesa di una gentile risposta


La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui



Altre risposte di Mente e cervello


© RIPRODUZIONE RISERVATA