L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

29/05/2008 23:57:09

Persistenza vitro primitivo

Salve dottore!Mi chiamo marco e scrivo per conto di mio nipote. é nato da nemmeno un mese con questa malformazione agli occhi...mio cugino l'ha portato in un centro specializzato Beaumont Hospital in Michigan vicino Detroit..hanno visitato il bimbo ieri ma non ranno ritenuto opportuno operarlo per paura di intaccare la retina...si parla di masse informi dietro l'occhio ecc...mi domando..cosa si può fare? è destinato a rimanere cieco per sempre? e ancora..è possibile un trapianto di occhi un domani? la prego mi risponda siamo tutti disperati

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del01/06/2008

Gentile signore,
la malformazione del suo nipotino, sia che si tratti di vitreo primitivo iperplastico anteriore che posteriore, è piuttosto grave e necessita di idonei inteventi chirurgici attentamente programmati nel tempo, atti a restituire in tempo utile il massimo di vista possibile al piccolo paziente.
Tutto dipende dalla gravità della malformazione e dall'interessamento della retina e del nervo ottico. Il cristallino si può sostituire, la cornea si può trapiantare. Al momento attuale non si può trapiantare l'occhio in toto, in quanto il tessuto nervoso, nervo ottico e retina, non sono in grado di rigenerare.
Auguri di cuore per il suo nipotino e saluti

Dott. Federico Friede
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
FELTRE (BL)


Risposta del01/06/2008

Carissimo,
intanto mi saluti gli amici del Beaumont Hospital,nel quale esiste uno dei centri di chirugia pediatrica all'avanguardia da sempre(io ci sono stato 9 giorni nel lontano 2002)!!
La persistenza del vitreo primitivo iperplastico rappresenta una rara affezione congenita suscettibile di un approccio chirurgico abinterno. Si distingue in anteriore e posteriore. La prima caratterizzata da una membrana vascolare retrolentale; la seconda dalla presenza di una plica falciforme che è una piega retinica che si estende dalla papilla all’ora serrata.
Bisogna in ogni modo intervenire ed in maniera MIRABILE,anche se spesso i risultati non sono sempre quelli desiderati.


Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra