L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

03/06/2008 16:02:05

Pinguecola, pterigio ed episclerite

Gent.mo Dottore,
le scrivo per avere un parere in merito ad un problema che ho all’occhio sinistro.
Mi sono state fatte ben 3 diagnosi diverse: pinguecola, pterigio ed episclerite. L’ultima visita ha invece confermato l’ipotesi PTERIGIO. Per cui sarei candidata alla sua asportazione chirurgica dopo l’estate.
Tutto il resto è a posto: pressione, astigmatismo e capacità visiva sono nella norma, anzi oserei dire oltre la norma dato che mi ritrovo 15/10.
Il problema è che mi è stato detto che lo pterigio non dà dolore ma soltanto sensazione di corpo estraneo; io invece sento dolore, mi dà fastidio la luce del giorno e noto che la narice sinistra gocciola come se avessi in atto un episodio di allergia.
La informo anche del fatto che anni fa mi sono ritrovata la stessa strana formazione nell’occhio, ma è regredita dopo lungo tempo utilizzando semplicemente dell’IMIDAZYL antistaminico. Non potrebbe succedere la stessa cosa? Devo fidarmi della diagnosi? Non so proprio cosa pensare. Mi è stata tolta l’unica cosa che mi toglieva il dolore BETABIOPTAL gel oftalmico perché secondo il medico peggiora la situazione.
Ho letto che alcune patologie intestinali sono collegate alle malattie dell'occhio: io non ho mai fatto viviste specialistiche, ma so di avere dei problemi a livello gastrointestinale. Potrebbero influire davvero sull'occhio? ma solo nel caso di episclerite?
La ringrazio per l’attenzione e spero proprio che possa darmi il suo autorevole parere o almeno un suggerimento.
Cordiali saluti
Arianna

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/06/2008

Carissima,
NON ESISTE LA BENCHE' MINIMA POSSIBILITA',DA PARTE DI ADDETTI AI LAVORI,DI CONFONDERE TRE PATOLOGIE,QUALI QUELLE DA LEI NOMINATE,CHE HANNO CARATTERISTICHE ECCEZIONALMENTE DIFFERENTI ED ALTRETTANTO PATOGNOMONICHE!!!!!!!
E' COME CONFONDERE OCCHI AZZURRI CON OCCHI NERI O VERDI,BISOGNA ESSERE DALTONICI!!!
Verosimilmente,se anche l'ultima visita ha confermato uno PTERIGIO,siamo in presenza di questo.
Lo pterigio (dal greco pterugion = piccola ala d’insetto) è un processo degenerativo e iperplastico della congiuntiva, caratterizzato da una duplicatura della congiuntiva bulbare che si estende sulla cornea. Il suo nome deriva dall’aspetto "ad ala d’insetto" con il quale si presenta. Colpisce generalmente soggetti adulti ed è più frequente nelle zone calde ed assolate.
La terapia, quasi esclusivamente chirurgica, si rende necessaria quando lo pterigio abbia la tendenza alla progressione, determinando la compromissione estetica e/o funzionale.
E' UN INTERVENTO ASSOLUTAMENTE ROUTINARIO ED E' UNO DEI PRIMI INTERVENTINO CHE FACCIAMO FARE AGLI SPECIALIZZANDI IN OCULISTICA!
Comunque,spero si decidano presto a fare DIAGNOSI.



Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra