L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

01/08/2007 19:21:30

Prostatite, tre uinterventi, tante medicine, nessun risultato

Gentile dottore ho 65 anni, ho viaggiato in auto per lavoro per 30 anni, nel 1984 dopo un influenza è comparsa una violenta prostatite, e ricoverato inutilmente in 4 ospedali, finalmente ho subii un intervento al S.Agostino di MO consistente in 3 incisioni al collo vescicale per permettere lo svuotamento dell'urina, e so no stato bene fino al 2001.
Nel 2000 ho subito la sostituzione della valvola aortica, poi nel 2001 l'asportazione dell prostata con TURP all'Ospedale di Suzzara (MN), poi una recidiva con ulteriore ripulitura della prostata con TURP nel 2004 nell'Ospedale di (MN), nel 2006 ho cominciato ad avere dolori alla prostata con pollachiuria notturna,
Il primario di Mantova mi disse chiaramente di sopportare e non prendere nulla. Mi sono rivolto all'Ospedale di Suzzara dove lavora un'equipe Urologica diretta dal Prof.Ferrari di Modena, dopò un cura prova a base di antibiotici, Ditropan, Rociverina con alterni irrisori benefici, quando nel 4/07 hanno deciso di praticarmi un ulteriore incisione alla prostata TURP, sempre all'ospedale di Suzzara (MN).
Sono stato discretamente due mesi poi la prostata è tornata ad infiammarsi, con dolore e pressione al perineo e pollachiuria notturna, fatta urinocultura negativa PSA 0,35 ho cominciato una nuova cura di antibiotici e Mictasone due al dì, senza il minimo risultato, poi mi è stato dato l'Ipertrofan, con cicli aggiuntivi di 4 Aulin alla settimana, e immediatamente sono stato bene I primi tre giorni, poi la situazione è un pò peggiorata e attualmente, dopo trenta giorni di cura sto un pò meglio, ma sento sempre la prostata un più ingrossata all'interno del perineo, e mi alzo 1/3 volte alla notte, sento che non devo andare in auto, non bevo alcolici ne mangio cibi piccanti da 2 anni, I rapporti sessuali portano ad un riacutizzarsi del problema.
Non so più cosa fare, ho chiesto l'asportazione della prostata, ma mi dicono che se non c'è un tumore non si può togliere. Vivo con la paura di muovermi, non posso aiutare mia madre che ha 89 anni e vive a Firenze. Lei può gentilmente indicarmi una via d'uscita a questo problema ?
La Ringrazio per I suoi illuminati consigli.

S.






Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/09/2007

Gentile lettore ,
ma come è il suo uroflussogramma dopo il trattamento chirurgico subito? Comè è l'ecografia della regione prostatica?
Quadri clinici complessi come il suo non possono purtroppo essere risolti tramite una e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta prima di capire a fondo il problema e poi impostare le necessarie e generalmente complesse strategie terapeutiche.
Un cordiale saluto.




Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra