L'esperto risponde

Domanda di: Scheletro e Articolazioni

10/02/2008 19:54:27

Protusione discale

Gent. Dottore,

sono una giovane donna di 37 anni, coniugata da 3, e dall’età di 12 anni sono affetta dalla seguente patologia:
- dall’esame radiologico risulta: scoliosi sinistro convessa del tratto dorso lombare, rotazione del bacino ed innalzamento dell’emibacino destro. Anca ad ala iliaca dx indicamente sovralivellare rispetto alle controlaterali. Dismetria degli arti inferiori.
- dalla RM risulta: grave scoliosi sinistro convessa del rachide lombo-sacrale. Regolare morfologia ed intensità di segnale dei dischi intersomatici. A livello dello spazio intersomatico L4-L5 si apprezza minima protusione discale in sede mediana ad estrinsecazione posteriore. Non si apprezzano altre immagini da riferire ad ernie o a protusioni discali. Non si apprezzano alterazioni focali dell’intensità di segnale intramidollare. Il canale vertebrale ha ampiezza regolare. Si apprezza la presenza di due angiomi vertebrali atipici a livello di soma di L1 ed L2.
Non si apprezzano instabilità vertebrali.

I problemi reali di questa patologia (curata all’età di 12 anni con il busto) sono nati nove anni fa quando la stessa mi ha portato ad abbandonare il posto di lavoro (preso subito dopo la laurea) non riuscendo a stare seduta. L’unica cosa che mi dava sollievo era camminare per ore perché solo così mi sbloccavo, ma una volta seduta ritornavano i dolori. La situazione è degenerata tre anni fa quando i preparativi del matrimonio hanno causato un’ulteriore trauma alla mia colonna , dal quale non mi sono più ripresa. Soffro di forti dolori alla zona dorso-lombare che si protraggono lungo l’arto inferiore sinistro fino alla punta del piede coinvolgendo la parte posteriore ed anteriore della coscia, e dell’inguine. Noto un’atrofizzazione dei muscoli della gamba sx con difficoltà nel camminare, sento forte bruciore e a volte sensazioni come di scariche elettriche ( solo la sera riesco a liberarmi un po’ di questi fastidi). Tali disturbi variano d’intensità e tipologia da giorno a giorno: appena mi sveglio e mi metto in movimento iniziano i fastidi che si accentuano notevolmente al punto da non poter camminare se non dopo essermi sdraiato. In parole povere sono completamente prigioniera di questi dolori al punto di passare quasi tutta la giornata a casa sdraiata……
Nel 2003 ho fatto una consulenza al RIZZOLI con l’ortopedico Dott.ssa T. Greggi che mi ha diagnosticato un’irritazione radicolare L3 ed L4 e le discopatie segnalate dagli esami radiologici. Mi ha prescritto fisioterapia( 10 laserterapia regione lombare, 10 TENS arto inferiore sinistro, 10 massoterapia regione lombare, ginnastica per tonificare muscolatura addominale e del tronco) , busto ortopedico in stoffa armata e NEURONTIN .. Ho fatto con il Dott. Evangelista del Gemelli di Roma la Terapia del dolore con scarsi risultati ed ho anche intrapreso delle sedute di chiropratica con risultati del tutto inesistenti. Ho consultato un neurologo il quale mi ha prescritto questa cura: LYRICA 150 mg con nessun risultato. Ho fatto l’esame elettroneurografico arti inferiori:esito negativo.
Attualmente, dopo una visita fisiatrica con il Dott. Silvano La Bruna primario nell’ospedale di Mormanno (CS) ho seguito nella stessa struttura un corso di “back school” che sto praticando in casa da aprile 2007 in via continuativa; inoltre, svolgo esercizi con elastici agli arti inferiori e ho svolto per due mesi seduti di ginnastica isocinetica ed attualmente isotonica, iniziando a vedere qualche miglioramento nei dolori, ma non negli impedimenti fisici, miglioramenti però subito svaniti.
Ringraziando per l’attenzione,
formulo Cordiali Saluti
Vincenza


La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui



Altre risposte di Scheletro e Articolazioni


© RIPRODUZIONE RISERVATA