L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

07/06/2006 00:11:23

Sclerosi multipla

Mi è stata diagnostica nel 2000 dopo vari eventi tra cui diplopia, dolori muscolari, traumi da cadute, ecc dove non era stata riconosciuta, Ora ho 50 anni e sono in meno pausa, (mi è stato detto, dopo le indagini conseguenti ad una metrorraggia dell' ottobre 2005) il ciclo mi si presenta in modo irregolare, mi sento sempre gonfia, anche nell'intestino il cui malfunzionamento è dovuto, pare, alla S.M.
Non ho comunque gambe stanche ne crampi, attualmente, ma oggi mi sono accorta di avere le caviglie gonfie. faccio vita sedentaria, lavorando in ufficio ed il movimento che faccio è unicamente quello dei lavori di casa. Mio padre era diabetico come suo nonno e 5 o sei dei suoi fratelli; mia madre 80enne soffre di diverticolite e di insufficenza venosa ed ha subito diversi interventi tra cui i calcoli epatici quasi 40anni fa - le stesse cose di cui soffrono le sue sorelle (tuttora viventi - ulcere calcoli.. come il padre) e i suoi fratelli (anche varici come la loro madre). E' possibile che io abbia ereditato tutte queste predisposizioni?
A 5 anni mi diagnosticarono l'endocardite reumatica con soffio al cuore (?) con terapie varie esami clinici continui e ripetuti esoneri da ginnastica ed affaticamento fino ai 25 anni -
In seguito ad una dieta nel 1981 ho perso insieme ai chili anche i capelli, ebbi moltissimi crampi e raffreddori e sinusiti a ripetizione anche durante le 2 gravidanze ( 1986 e 1988 ) che portai a termine regolarmente, ma continuamente monitorata nella pressione arteriosa, anche se non risultò mai albumina, glicemia, colesterolo, trigliceridi ecc..insomma sempre tutto normale, tranne il mio aspetto che, ora, sta nuovamente lievitando.

c'è qualcosa che mi può essere suggerito per migliorare il mio stato o dovrei proprio convincermi che la S.M subdolamente e inesorabilmente mi comprometterà tutta la funzionalità, organica, dinamica, percettiva....

Chi mi osserva e non mi conosce, non è in grado di percepire questa mia patologia e tra chi mi conosce a volte, viene messa in dubbio questa diagnosi.. Però c'e', per ora, pare non progressiva, almeno non in modo evidente

Grazie?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del10/06/2006

Come Le è stata diagnosticata la S.M? Quali esami hanno permesso di giungere a questa diagnosi?
Mi faccia sapere



Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra