L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

02/03/2006 18:39:55

Terapia con I133

Sono ben due volte che pogno la stessa domanda ed ancora sono in attesa di una risposta . La ripropongo nuovamente ricordando che rispondere - in modo esaustivo o meno - è, tra le altre cose, anche un gesto di cortesia - GRAZIE:
“Relativamente alla cura dell’ipertiroidismo tramite trattamento con I131, mi preme sapere:
- quali sono i rischi cui possono andare incontro le persone che vivono a stretto contatto col soggetto trattato durante i primi giorni successivi al trattamento
- se una persona che vive a contatto col soggetto trattato, può, se “contaminato”, rappresentare un rischio di esposizione a radiazioni, per terze persone in particolare bambini
Ringrazio anticipatamente”

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/03/2006

Mi sembra di aver risposto a questa domanda chiedendo informazioni più precise, o ad altre simili.
Trattare un Ipertiroidismo , (in assenzza di esami quale Ipertiroidismo si tratta?), con I 131, mi sembra un pochino eccessivo. è redioattivo, e si manda in giro una persona che emana radiazioni. Ci possono essere molte altre terapie alternative, molto efficaci e rispettose della fisiologia e biologia della persona.
Lo ripeto, per avere risposte esaurienti, bisogna sempre indicare esami completi ed esegiti, e sintomatologia, anamnesi. altrimenti possono essere anche saltate per la incongruenza dei dati forniti, non si può rispondere a caso!
Questa altra volta quando pone una domanda, se vuole risposta sia più precisa nelle indicazioni
saluti

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Risposta del05/03/2006

gentile signore
Nei primi giorni successivi al trattamento sono necessarie alcune misure di radioprotezione . Lei dovrebbe evitare
contatti ravvicinati e prolungati con bambini e donne in gravidanza , in quanto la sua ghiandola tioroidea trattata con radioiodio emana radiazioni . Non c'e pericolo di '' contaminare '' nessuno come intende lei .Tranquillo ed
Auguri

Dott. Paolo Morini
Medicina generale convenz.


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra