L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

13/07/2008 15:27:37

Testo

trombosi retinica all'occhio destro con occlusione venosa totale,quali metodi terapeutici o chirurgici possono risolvere il danno procurato,è urgente,grazie..cordiali saluti!

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/07/2008

Carissima,
l'occlusione venosa retinica è un evento molto più frequente di quella arteriosa e con una prognosi generalmente migliore.
Il grado di occlusione determinato dal trombo caratterizza due forme diverse di occlusione: la forma edematosa (occlusione parziale della vena) e la forma ischemica (occlusione totale della vena).
I sintomi, proporzionali alla gravità di chiusura del vaso, sono rappresentati da un calo variabile della vista improvviso senza alcun dolore.
I fattori di rischio più spesso associati a questa malattia sono, in ordine di frequenza: l'età superiore ai 50 anni, le malattie cardiovascolari, l' Ipertensione arteriosa, il Diabete e il Glaucoma .
Diagnosticata un'occlusione della vena centrale della retina, bisogna eseguire una fluorangiografia retinica. Questa indagine permette infatti di valutare con esattezza la sede e l'entità dell'occlusione e soprattutto è l'unico esame che consente di distinguere le forme edematose (occlusione parziale) da quelle ischemiche (occlusione totale), permettendo così di individuare il trattamento adeguato.
Nella forma edematosa si dovranno eseguire dei controlli fluorangiografici ogni tre/sei mesi allo scopo di tenere sotto controllo l'evoluzione ed eventualmente eseguire un trattamento laser per ridurre l'entità dell'edema. Nella forma ischemica invece il paziente deve essere sottoposto alla fotocoagulazione laser per di distruggere le aree ischemiche e prevenire un ulteriore peggioramento della malattia, che può portare fino alla cecità.
Esiste poi un'occlusione di branca della vena centrale retinica (OBVCR)
È possibile che si verifichi un'occlusione di una branca della vena centrale della retina. Essa avviene sempre a livello di un incrocio tra un vaso arterioso e uno sottostante venoso.
L'area retinica danneggiata e l'entità dei sintomi sono ovviamente inferiori rispetto a quelle dell'occlusione della vena centrale.
I fattori di rischio associati a questa forma minore di occlusione retinica sono l' età superiore ai 60 anni, l' Ipertensione arteriosa, il Diabete e l'aterosclerosi.







Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it

Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra