L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

10/07/2008 14:34:04

Trombosi all'occhi sinistro

Egr. dott.
Sono alla 16 settimana di gravidanza facendo le analisi del sangue mi hanno riscontrato il fattore V di Leiden.
Come cura prendo 1/2 aspirinetta al giorno. Il ginecologo mi ha consigliato una visita oculistica perchè avendo gia avuto all'età di 28 anni una maculopatia all'occhio destro voleva informazioni ulteriori sull'assunzione dell'aspirinetta. Alla visita oculistica hanno riscontrato una trombosi all'occhio sinistro. Non potendo fare nessun ulteriore controllo per via della gravidanza non riescono nemmeno a vedere il danno. Io vedo una mezza lunetta anebbiata in orizzontale nella parte bassa della visione. L'oculista mi ha detto di stare tranquilla e di contattarlo per qualsiasi cambiamento di visione si presenti a quest'occhio. Sono molto spaventata e non so come procedere. Per il momento cerco di camminare molto e mangiare leggero come mi hanno consigliato molto medici. Ho paura di perdere completamente la vista avendo già l'occhio destro danneggiato.
Lei cosa mi consiglia?
Ringraziandola anticipatamente porgo distinti saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/07/2008

Carissima,
La mutazione nel gene che codifica per il fattore V in posizione 506, sulla tripletta nucleotidica che
codifica per l'arginina (sostituzione di una Guanina con una Adenina), e la conseguente sostituzione
di un aminoacido (glutammina al posto di arginina) è causa della resistenza alla Proteina C attivata,
ossia dell’impossibilità da parte della Proteina C attivata (che ha un effetto anticoagulante) di inattivare l’azione protrombotica del Fattore V durante il passaggio in cui le due molecole dovrebbero interagire per ottenere un equilibrio ottimale della coagulazione.Ecco perchè si parla di TROMBOFILIA EREDITARIA.
Il rischio ad avere Trombosi aumenta se si aggiungono altri difetti della coagulazione, durante l’uso di contraccettivi orali, dopo interventi chirurgici, in condizioni di immobilità forzata, in gravidanza.
Inoltre il Fattore V Leiden, come altre forme di trombofilia, è stato messo in relazione con complicanze in gravidanza come appunto quella da lei sofferta ovvero la Trombosi venosa retinica.
Da quanto mi descrive sicuramente siamo in presenza di una Trombosi di branca e quindi sicuramente meno grave di quella centrale!
Aspettiamo che non peggiori e pensiamo ora alla gravidanza!!!!!!



Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra