L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

07/11/2001

ANSIA E INSONNIA

Salve le scrivo in quanto sono molto preoccupato riguardo alla mia salute.......
Ho solo 19 anni e da qualche settimana mi capita spesso di soffrire di attacchi di panico con sudorazioni, tachicardie, formicolii e paura di svenire. Ho consultato il mio medico il quale mi ha detto che probabilmente e' dovuto a stress e quindi come cura dovevo semplicemente avere uno stile di vita piu' regolare e per aiutarmi mi ha prescritto della melatonina da prendere prima di andare a dormire.
Ora le crisi di panico si puo' dire che mi siano passate ma e' sorto un problema a mio avviso molto piu' grave infatti sono piu' di tre giorni che non dormo e resto nel letto con gli occhi sbarrati e questo anche prendendo oltre alla melatonina 2 compresse di NOCTIS.
Mi sento vuoto e con la testa di vetro la prego non so' piu' cosa fare e sopratutto non capisco da cosa siano dovuti tutti questi miei problemi.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del12/11/2001

Per un grave disturbo di Ansia quale l'attacco di panico od un' Insonnia così significativa, non credo sia sufficiente prendere della melatonina, nonostante oggi utilizzata, ancora sperimentalmente, per la regolarizzazione dei ritmi del sonno. Bisognerebbe approfondire i motivi per i quali oggi si sente così stressato, le modalità dei disturbi di panico che lei ha avuto (sintomi dettagliati, luoghi, ecc.). Ritengo che lei dovrebbe contattare uno psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale o che utilizzi la metodica definita EMDR (Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari) per risolvere in maniera definitiva il problema. Potrà essere valutato dallo specialista se supportare il protocollo terapeutico anche con un piccolo intervento farmacologico, che rimarrà comunque solo un eventuale supporto all'intervento psicologico principale.

Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra