L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

11/09/2007 13:53:37

Ansia Malessere E Dolori

Mi chiamo Cristian e ho 19 anni, e ho sempre avuto una morbosa curiosita' nel conoscere le malattie e nel prevenirle.
In questi 4 anni ho avuto diversi attacchi di panico preceduti da una forte ansia e angoscia e in certi casi nascondevo queste mie preoccupazioni nate da sintomi che sentivo, ma continuavo a pensare nel mio cervello a quale potesse essere la causa.Questo e' piu' o meno la mia formazione da ansioso ipocondriaco, ma vengo al dunque.Domenica dopo un semplice raspino in gola ho incominciato a farmi delle paranoie assurde e per quanto possa sembrare strano non riescopiu' a uscire da un circolo vizioso che dura ormai da una settimana.Ho avuto paura di un cancro ai polmoni, con tutti i sintomi del caso, poi sono passato a temere per l'esofago, alla laringe alle corde vocali e ora non passa giorno dove nn abbia qualche attacco d'ansia.Volevo chiedervi se e' normale che io in questi 4giorni ho sentito tantissimi "dolori" ( non sono veri e propri dolori, ma sono cmq quacosa di terribilmente angoscioso) di tutti i tipi, dal raspino in gola, al solletico nei polmoni, a un fastidio retrosternale,sensazione di dover schiarire la voce,buco bocca dello stomaco e infine dolore alle costole dietro la schiena.E' normale che l'ansia possa fare cio'? Possa far si da' farmi sentire quasi morire? La mia dottoressa dopo avermi visitato mi ha detto che ai polmoni nn ho niente , ma cmq i sintomi nn passano e sono sempre piu' frequenti.Ora prendo 10 gocce di Xanax prima di addormentarmi anche se cmq a dormire problemi non ne ho. Spero che questo periodo nero possa passare al piu' presto.

Scusate perla lunghezza ma ho bisogno disforgarmi , perche' nessuno sembra riuscire ad aiutarmi veramente.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/09/2007

Vista l'età è probabile che questa sontomatologia esprima un conflitto inconscio relativo a tematiche circa la propria identità. Infatti si tratta dell'età in cui ci si struttura come adulti, abbandonando (e non sempre facilmente) gli aspetti adolescenziali. E' anche l'età in cui ci si definisce sessualmente e questo spesso porta a viversi in modo insicuro. Perciò: va bene lo xanax se serve a ridurre i sintomi, ma c'è sicuramente bisogno d'altro, cioè di una psicoterapia che riorganizzi queste tematiche inconsce.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra