L'esperto risponde

Domanda di: Mente e cervello

08/10/2010 07:22:39

Ansia mattutina

Egregi Dottori,
sono seguito da una psichiatra da diversi anni per disturbi di ansia successiva ad attacchi di panico. Questi ultimi sembrano superati, ma mi resta una continua paura per la mia salute, che condiziona non poco la mia vita.
Lo psichiatra, in questo periodo di particolare tensione (da inizio di agosto) mi ha prescritto:
- 20 mg di paroxetina (come da diversi anni);
- alprazolam, 20 gtt la sera e 1 stilnox per dormire,
- aplrazolam 10 gtt la mattina.

Giovedì prossimo inizierò un ciclo di terapia congnitivo comportamentale.

Fisicamente non risulta io abbia nulla (ho fatto un sacco di esami, nella norma).
La mattina, appena alzato, inizio ad agitarmi, forse per il pensiero della giornata da affrontare, sentendo un po' di torpore alla testa e gli occhi stanchi.
Durante la giornata sento le gambe molli, la testa "leggera", qualche tremolio, gli occhi affaticati. Ciò nonostante, la dottoressa insiste perchè io continui una vita normale, senza evitamenti.
E' possibile che siano l'ansia continua o i farmaci a provocarmi tali sensazioni? Posso stare tranquillo e fare tutto ciò che mi capita durante la giornata senza timore di un malore?
Grazie
Cordiali saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del12/10/2010

Avendo fatto anche molti esami diagnostici che risultano tutti negativi, cioè che lei è in perfetta salute, mi sento di invitarla a svolgere le attività che normalemente fa, senza evitarle. I sintomi sono probabilmente dovuti proprio all' Ansia . La terapia farmacologica che sta facendo è indicata nel suo caso, e penso che trarrà giovamento anche dalla psicoterapia cognitivo-comportamentale che sta per intraprendere.
Cordiali saluti!


a href="/Marina_Ciampelli?esp=287" Dott.ssa Marina Ciampelli /a
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
Firenze (FI)



Altre risposte di Mente e cervello


© RIPRODUZIONE RISERVATA