L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

11/01/2006 16:02:43

Ansia panico e paura

Buongiorno,
dal dicembre 2005 a seguito di un lungo periodo di stress (cambiamento lavorativo, di casa e matrimonio) ho iniziato a manifestare forti attacchi di ansia (tachicardia, senso di soffocamento...) culminati in veri e proprio attacchi di panico ai quali si è associata una forma depressiva.
Ho assunto Seroxat 1 pastiglia al di per 3 mesi, sostituita poi con Zoloft, in quanto una volta sospesa la paroxetina sono entrata in una profonda crisi, peggiore in quanto si erano aggiunte sensazioni terribili.. che poi mi hanno spiegato trattarsi di derealizzazione e depersonalizzazione. Mi sentivo strana, terrorizzata, come se non sapessi più chi ero e dove ero. Insomma sapevo il nome, cognome...riconoscevo i posti, ma mi sentivo aliena e avevo paura di impazzire!
Ora sto meglio, ma ci sono momenti in cui mi sembra di peggiorare...e allora si riaffaccia la paura di essere malata, di essere condannata a vivere una vita del genere.
Ho paura che si tratti di schizofrenia....o che io possa diventarlo!
Ho tanta paura, potreste aiutarmi a risolvere qualche dubbio?
Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/01/2006

Una diagnosi va posta in seguito ad una accurata visita e valutazione, quindi non sono in grado di dirle di cosa lei soffra. Però è evidente che una serie di fattori esterni hanno scatenato in lei una grande insicurezza interna che ha assunto la forma degli attacchi di panico. Sugli episodi di derealizzazione bisognerebbe capire se sono spontanei o sono la conseguenzadell'assunzione di farmaci che sta prendendo.
Mi stupisce che non le sia stata consigliata una psicoterapia, perchè mi sembra che ci siano proprio le condizioni perchè essa sia la soluzione. Infatti i farmaci agiscono sui sintomi, ma solo la psicoterapia va all'origine del problema che, nel suo caso, sembra una forma depressivo-ansiosa le cui origini potrebbero trovarsi nella struttura di personalità.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra