L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

06/06/2005 10:43:57

Bimba di otto anni - Emicrania.

A mia figlia di otto anni è stato sostituito il farmaco TRIPT OH 100 mg dopo un anno di assunzione (prescritto dal Centro Cefalee di Parma) con il FLUGERAL 5 MG (1 cps la sera prima di coricarsi) e all'eventuale sopraggiungere della crisi metà bustina di OKI entro i primi 5 minuti dai sintomi.
Il medicinale FLUGERAL le è stato prescritto perchè nel mese di maggio la bimba ha avuto ben 12 emicrania ove ha dovuto assumere l'OKI e 6 mal di testa più leggeri (cioè che non le "battevano" ma che hanno richiesto ugualmente il riposo a letto ed in assoluto silenzio).
Poichè è il padre di mia figlia che ha sempre avuto questi problemi anche da bambino, il medico non ha fatto fare nessun accertamento tipo elettroncefalogramma o altri.
Chiedo cosa ne pensa in merito ed anche un parere sul farmaco FLUGERAL.
Cordiali saluti.
Maria Luisa

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/06/2005

La bambina è stata valutata da un Centro Cefalee dove operano Specialisti di grandissima esperienza e competenza che conosco personalmente. Assumo pertanto che la diagnosi sia corretta e che non debba essere supportata da accertamenti diagnostici (anche data la familiarità, che però non è un criterio definitivo, e dalle caratteristiche del dolore come da Voi descritto). In particolare l'EEG non è indicato nella diagnosi di emicrania ed il suo reperto potrebbe addirittura essere fuorviante (in caso di alterazioni non si potrebbe escludere in senso assoluto un'emicrania, così come un tracciato normale non conferma la diagnosi e non esclude la possibilità di cefalee secondarie).
Il trattamento con flunarizina (FLUGERAL) al dosaggio di 5 mg è più specifico di quello con TRIPT-OH che è stato molto utilizzato in passato nelle cefalee infantili ed in particolare nell'emicrania, ma senza una vera evidenza scientifica (non esistono pubblicazioni che ne accertino l'efficacia in modo incontrovertibile), mentre la flunarizina è efficacissima nell'emicrania dell'adulto e può essere usata anche nel bambino al dosaggio consigliato, eventualmente riducendolo un po' (6 giorni alla settimana od in seguito a giorni alterni) in caso di efficacia.
L'uso della flunarizina richiede attenzione da parte dei genitori riguardo la dieta, perché può provocare un certo aumento dell'appetito e conseguente incremento ponderale, oltre a sonnolenza.

Molto cordialmente

Dott. Marco Trucco
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Neurofisiopatologia
Specialista in Neurologia
PIETRA LIGURE (SV)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra