L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

25/09/2004 15:53:19

Cancro allo stomaco

Un uomo di 65 anni operato al cancro con asportazione dello stomaco, può fare attività fisica? se è si, con quale frequenza, con quale intensità?


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/09/2004

IO direi che puo' fare tranquillamente attivita' fisica compatibilmente con le sue energie, nel senso che dobbiamo imparare a "sentire" quando il nostro organismo e' arrivato al traguardo. Come? Semplicemente smettendo quando avvertiamo segni di stanchezza. Tenda solo presente che lei si trovera' in stato di Anemia per mancanza del fattore di Castle e che quindi sara' soggetto ad un affaticamento precoce .

Dott.ssa Fanny Russo
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
UDINE (UD)


Risposta del29/09/2004

Ritengo che lei possa tornare a fare la vita di prima. Certamente dovrà avere cura di fare pasti piccoli e frequenti che le possano dare un apporto calorico sufficiente. Naturalmente sarà opportuno che tutto avvenga con gradualità, il 70% dei pazienti da me operati tornano a fare tre pasti regolari nei primi tre mesi.
A mio avviso è anche importante che si faccia controllare periodicamente ( nel centro che dirigo sono previsti dei follow-up ) da un chirurgo che le possa dare indicazioni precise. E' importante prevenire l' Anemia che è causata da un Malassorbimento del ferro, quindi le consiglierei Emocromo, sideremia e transferrina, da eseguire dopo 3,6,12 mesi dall'intervento. Se ad uno di questi controlli vedrà una diminuzione dei parametri è opportuno fare una terapia marziale (con ferro) e che deve essere necessariamente per via venosa, poichè i prodotti per os non vengono assorbiti. Dopo il primo anno i controlli andrebbero fatti in rapporto alle necessità di terapia marziale che è variabile da paziente a paziente. Consideri comunque che la maggior parte dei pazienti non ha bisogno di terapia marziale, e che nei restanti in genere necessitano di una sola terapia all'anno, rari quelli che hanno necessità di piu terapie marziali annuali.

Dr. Cesare Iacopo Giannini
Direttore U.O. Chirurgia generale
Ospedale di Pitigliano - ASL 9 Grosseto -

Dott. CESARE IACOPO GIANNINI
Medico Ospedaliero



Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra