L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

30/10/2006 18:48:31

Consulenza

Circa un mese fa ho cominciato ad accusare un dolore localizzato nella parte sinistra del petto, in corrispondenza del cuore. Tale dolore si presenta come una fitta che avverto in occasione di respiri profondi, e la potrei descrivere come una pressione sul cuore, o una lama che mi trafigge. I dolori hanno cominciato a presentarsi praticamente ogni giorno, diverse volte durante la giornata e per lunghi intervalli. Li avevo già avvertiti altre volte in passato, ma in occasioni sporadiche e per pochi minuti.
Dopo una settimana di dolori pressochè continui ho pensato di rivolgermi al mio medico di base, che mi ha prescritto una visita cardiologica. Da ECG e ecocardio risulta esserci un lieve prolasso della valvola mitralica. Secondo il cardiologo è questo che causa i miei dolori, secondo il medico sono solo dolori intercostali.
I dolori poi sono calati di frequenza, presentandosi solo una volta ogni tanto.
Ieri sera però, nel raccogliere un oggetto da terra, sono stata colpita da una forte fitta, che continua da un giorno intero. I sintomi sono questi: il dolore aumenta se respiro forte, se mi chino, se rido. Sento male all'attaccatura inferiore del seno sinistro, come qualcosa che mi stia comprimendo, e il dolore si espande all'esterno e arriva alla spalla sinistra.
La mia domanda è questa: cosa potrebbe essere, e quali esami mi consigliate di fare per scoprire la causa di questo male? Per un quadro più completo: ho 24 anni, non ho mai sofferto di nessuna malattia grave, non fumo e non pratico sport.
Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del05/11/2006

Gentile Signora,

Se non l'ha gia' fatto, e' indispensabile che Lei esegua un Rx Torace in due proiezioni (postero-anteriore e laterale sinistra). Se negativa Lei potrebbe soffrire di un reflusso gastro-esofageo da ernia jatale per la cui diagnosi si esegue, di norma, l'esofagogastroscopia.

cordiali saluti


Dott. Stefano Treggiari
specialista in chirurgia toracica
osp. forlanini - roma
streggiari@scamilloforlanini.rm.it

Dott. Stefano Treggiari
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia toracica
ROMA (RM)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra