Carvedilolo Accord 6,25 mg 28 compresse divisibili

Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2018
Farmaci - Carvedilolo Accord

Carvedilolo Accord 6,25 mg 28 compresse divisibili




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Accord Healthcare Italia S.r.l.

MARCHIO

Carvedilolo Accord

CONFEZIONE

6,25 mg 28 compresse divisibili

PRINCIPIO ATTIVO
carvedilolo

FORMA FARMACEUTICA
compressa divisibile

GRUPPO TERAPEUTICO
Betabloccanti

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
3,62 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Carvedilolo Accord 6,25 mg 28 compresse divisibili

trattamento dell'ipertensione arteriosa essenziale: carvedilolo è indicato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa essenziale. Può essere usato da solo o in associazione con altri antiipertensivi, specialmente con i diuretici tiazidici. Trattamento dell'angina pectoris. Trattamento dello scompenso cardiaco


CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Carvedilolo Accord 6,25 mg 28 compresse divisibili

non deve essere usato in pazienti con: scompenso cardiaco in classe IV NYHA (classificazione della New York Heart Association) non rispondente a terapia standard che richieda terapia con isotropi per via ev. Storia di broncospasmo, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) con componente broncospastica. Alterazioni della funzionalità epatica. Gravidanza e allattamento . Come per gli altri betabloccanti, carvedilolo non deve essere usato in pazienti con: ipersensibilità al prodotto, asma, blocco AV di 2° e di 3° grado, bradicardia grave (< 50 bpm), shock cardiogeno,disfunzioni del nodo senoatriale (sick sinus sindrome, compreso blocco senoatriale), ipotensione grave (pressione sistolica < 85 mmHg), feocromocitoma non controllato con alfabloccanti, acidosi metabolica


INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Carvedilolo Accord 6,25 mg 28 compresse divisibili

come osservato per altri farmaci betabloccanti, anche carvedilolo può potenziare l'azione di altri farmaci dotati di attività antipertensiva (ad es. antagonisti dei recettori alfa1) o quella di farmaci che possono determinare ipotensione come effetto secondario indesiderato. L'uso di reserpina, o di IMAO, insieme ai betabloccanti può determinare ipotensione e/o bradicardia severa. In isolati casi sono stati osservati disturbi della conduzione (raramente con compromissioni emodinamiche) a seguito della somministrazione orale di carvedilolo e diltiazem in associazione. Pertanto, come per gli altri farmaci betabloccanti, in caso di somministrazione in associazione di carvedilolo e calcioantagonisti del tipo verapamil o diltiazem, o di carvedilolo e antiaritmici di classe I, devono essere previsti ed effettuati un attento controllo dell'ECG e della pressione arteriosa. Tali farmaci non dovrebbero essere somministrati in associazione per via ev. A seguito della somministrazione in associazione di carvedilolo e digossina in pazienti ipertesi, le concentrazioni minime di digossina allo stato stazionario (steady state) sono risultate aumentate di circa il 16%. Si raccomanda un attento controllo della digossinemia ogni qual volta venga iniziato, modificato o interrotto il trattamento con carvedilolo. La somministrazione concomitante di carvedilolo e glicosidi cardiaci può prolungare la conduzione AV. Nel caso si renda necessario interrompere il trattamento di carvedilolo e clonidina, utilizzati in associazione, carvedilolo dovrebbe essere sospeso per primo, diversi giorni prima di iniziare a diminuire gradualmente il dosaggio di clonidina. Gli effetti dell'insulina o degli ipoglicemizzanti orali possono risultare potenziati. I segni e i sintomi di ipoglicemia possono essere mascherati o attenuati (specialmente la tachicardia). È pertanto raccomandabile un regolare controllo della glicemia. Particolare attenzione va posta sia nei pazienti in trattamento con induttori delle ossidasi a funzione mista (ad es. la rifampicina), poiché i livelli plasmatici di carvedilolo possono venire ridotti, sia nei pazienti in trattamento con inibitori delle ossidasi a funzione mista (ad es. la cimetidina), poiché i livelli plasmatici di carvedilolo possono venire aumentati. Le concentrazioni plasmatiche medie di ciclosporina tendono ad aumentare in corso di trattamento con carvedilolo. A causa dell'ampia variabilità individuale si raccomanda di monitorare le concentrazioni plasmatiche di ciclosporina al fine di realizzare gli opportuni aggiustamenti posologici. Particolare attenzione deve essere prestata durante l'anestesia a causa della sinergia tra gli effetti inotropo negativo ed ipotensivo di carvedilolo e degli anestetici. Non è stata studiata la somministrazione del carvedilolo in associazione a farmaci inotropi


POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE



Come si usa Carvedilolo Accord 6,25 mg 28 compresse divisibili

le compresse devono essere assunte con una sufficiente quantità di liquido. Non è necessario assumere le compresse con i pasti; tuttavia, nei pazienti affetti da scompenso cardiaco, carvedilolo dovrebbe essere somministrato in concomitanza dei pasti per rallentare l'assorbimento e ridurre l'incidenza di effetti posturali quali l'ipotensione ortostatica


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Cuore circolazione e malattie del sangue
27 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Integratori efficaci nella riduzione del colesterolo
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
Cuore circolazione e malattie del sangue
13 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Infarto. Riconoscerlo nelle donne
La cellulite
Cuore circolazione e malattie del sangue
04 giugno 2018
Patologie
La cellulite