Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

Ultimo aggiornamento: 05 ottobre 2017
Farmaci - Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg

Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml




INDICE SCHEDA



INFORMAZIONI GENERALI


AZIENDA

Promedica S.r.l.

MARCHIO

Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg

CONFEZIONE

0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

PRINCIPIO ATTIVO
salbutamolo + beclometasone

FORMA FARMACEUTICA
aerosol

GRUPPO TERAPEUTICO
Adrenergici respiratori

CLASSE
A

RICETTA
medicinale soggetto a prescrizione medica

SCADENZA
36 mesi

PREZZO
11,00 €


INDICAZIONI TERAPEUTICHE



A cosa serve Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

Trattamento dell'asma bronchiale, broncopatia cronica ostruttiva con componente asmatica.



CONTROINDICAZIONI



Quando non dev'essere usato Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti, elencati al paragrafo (qui non riportato) 6.1.

Il beclometasone dipropionato è controindicato nelle infezioni virali e tubercolari attive o quiescenti locali.

Generalmente controindicato in gravidanza ed allattamento (v. par. 4.6).



AVVERTENZE E PRECAUZIONI D'USO



Cosa serve sapere prima di prendere Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

Si possono presentare effetti sistemici con i corticosteroidi inalatori, in particolare quando prescritti ad alte dosi per periodi prolungati. Tali effetti si verificano con meno probabilità rispetto al trattamento con i corticosteroidi orali. I possibili effetti sistemici includono la sindrome di Cushing, aspetto Cushingoide, soppressione surrenalica, ritardo della crescita in bambini e adolescenti, riduzione della densità minerale ossea, cataratta, glaucoma e, più raramente una serie di effetti psicologici o comportamentali che includono iperattività psicomotoria, disturbi del sonno, ansietà, depressione o aggressività (particolarmente nei bambini). È importante, quindi che la dose dei corticosteroidi per inalazione sia la più bassa dose possibile con cui viene mantenuto il controllo effettivo dell'asma.

La condotta del trattamento nei pazienti già sotto corticoterapia sistemica necessita di precauzioni particolari e di una stretta sorveglianza medica. Solo a seguito di un iperdosaggio continuato si puo' verificare un certo grado di atrofia corticosurrenalica.

Gli agenti simpaticomimetici devono essere usati con molta cautela in pazienti che possono essere particolarmente suscettibili ai loro effetti.

Nei pazienti con malattie quali coronaropatie, aritmie, ipertensione arteriosa e nei pazienti affetti da glaucoma, ipertiroidismo, feocromocitoma, diabete ed ipertrofia prostatica, il prodotto va utilizzato solo in caso di assoluta necessità.

Ci sono evidenze, da dati post marketing e dalla letteratura pubblicata, di rari casi di ischemia miocardica associata all'uso di salbutamolo. I pazienti con preesistenti patologie cardiache gravi (ad es. cardiopatia ischemica, tachiaritmia o insufficienza cardiaca grave), che ricevono salbutamolo per patologie respiratorie, devono essere avvertiti di informare il proprio medico qualora si verifichi dolore toracico o sintomi di peggioramento della patologia cardiaca.

Da usare solo nel periodo iniziale e non per trattamenti prolungati (ne è sconsigliato l'impiego ininterrotto per oltre dieci giorni).

L'impiego, specie se prolungato, di prodotti per uso topico puo' dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione e, eccezionalmente, agli effetti collaterali sistemici classici del medicamento. In ogni caso occorre sospendere il trattamento ed istituire una terapia idonea. 


Polmonite nei pazienti con BPCO

Un aumento della incidenza di polmonite, tra cui polmonite che richiede il ricovero in ospedale, è stata osservata in pazienti con BPCO in trattamento con corticosteroidi per via inalatoria. Vi è qualche evidenza di un aumentato rischio di polmonite con l'aumento della dose di steroidi ma questo non è stato dimostrato in maniera conclusiva dagli studi. Non c'è evidenza clinica conclusiva di differenze all'interno della classe circa l'entità del rischio di polmonite tra i corticosteroidi inalatori. I medici devono rimanere vigili per il possibile sviluppo di polmonite nei pazienti con BPCO poichè le manifestazioni cliniche di questo tipo di infezioni si sovrappongono ai sintomi delle riacutizzazioni di BPCO.

I fattori di rischio della polmonite in pazienti con BPCO comprendono il fumo, l'età avanzata, il basso indice di massa corporea (BMI) e la BPCO grave.




INTERAZIONI



Quali farmaci o principi attivi possono interagire con l'effetto di Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

È sconsigliata la somministrazione contemporanea del preparato con i beta-bloccanti (per es. propranololo) In caso di utilizzo di metà dose, il contenitore monodose puo' essere richiuso capovolgendo e premendo il tappo. Il contenitore monodose richiuso deve essere conservato a temperatura compresa fra 2°C e 8°C (in frigorifero) e la quantità rimasta deve essere utilizzata entro 12 ore dalla prima apertura.



SOVRADOSAGGIO



Cosa fare se avete preso una dose eccessiva di Clenil Compositum 0,8 mg + 1,6 mg 0,8 mg + 1,6 mg sospensione da nebulizzare 20 flaconi monodose da 2 ml

A dosaggi elevati in alcuni pazienti possono verificarsi effetti collaterali transitori (modesto aumento della frequenza cardiaca, lievi tremori muscolari) che scompaiono dopo i primi giorni di trattamento, riducendo se necessario la dose.


CONSERVAZIONE



Conservare il prodotto in posizione verticale, come riportato sulla confezione.

I contenitori monodose fuori dalla busta di protezione si conservano fino a 3 mesi, al riparo dalla luce.

In caso di utilizzo di metà dose, il contenitore monodose richiuso va conservato a temperatura compresa fra 2°C e 8°C (in frigorifero) ed utilizzato entro 12 ore.


PATOLOGIE ASSOCIATE







Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     ESPERTO


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Tosse, un aiuto dall’omeopatia
Apparato respiratorio
07 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Tosse, un aiuto dall’omeopatia
Sentire poco, vivere male
Orecchie naso e gola
03 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Sentire poco, vivere male
L'esperto risponde