Insalata di valerianella, uova di quaglia, avocado e mela verde

19 maggio 2017
Verdure

Insalata di valerianella, uova di quaglia, avocado e mela verde





Depurativa ed energetica, questa gustosa insalatina è un secondo leggero e molto di stagione, a base di tenera valerianella, o songino, detta anche pasqualina proprio a indicare il periodo in cui cresce, che svolge un'azione detossinante nei confronti del fegato ed è particolarmente indicata in questo periodo dell'anno, quando il nostro organismo ha bisogno di liberarsi delle scorie accumulate durante l'inverno.

Ingredienti per 4 persone




  • 350 g di insalata valeriana
  • 1 avocado
  • 1 mela verde
  • Mezzo limone
  • 12 uova di quaglia
  • 60 g di parmigiano a scaglie
  • Un pungo di rucola
  • 8 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • Sale fino dolce di Cervia
  • Pepe bianco macinato al momento

Come devi fare




  1. Per prima cosa metti a cuocere le uova di quaglia. Occorreranno 3 minuti di bollore, dopodiché le passi sotto l'acqua fredda e le lasci a bagno almeno mezz'ora, per sgusciarle più facilmente.
  2. Lava e sgronda l'insalata valeriana, asciugandola molto bene.
  3. Pela l'avocado e riducilo a dadini.
  4. Pela e riduci a fettine sottili la mela verde, spruzzandola appena col succo di limone perché non annerisca.
  5. Risciacqua e asciuga la rucola.
  6. Versa in un'ampia ciotola l'insalata valeriana, a cui aggiungerai l'avocado, le fettine di mela, le scaglie di parmigiano, la rucola spezzettata grossolanamente con le mani e le uova di quaglia sgusciate e tagliate a metà per il lungo.
  7. In un vasetto con tappo versa l'olio, aggiungi poco sale dolce di Cervia, un'abbondante macinata di pepe e il restante succo di limone; agita bene per emulsionare, distribuisci sull'insalatina, mescola delicatamente, evitando di rompere le uova e le fettine di mela, e servi.




Il must di questo piatto: è detossinante



Dal gusto assai stuzzicante e grazie alle diverse consistenze, questa insalatina è una vera delizia ed è molto salutare. La valerianella, che cresce proprio in questo periodo dell'anno e quindi è di stagione, è particolarmente ricca di preziosa fibra, clorofilla, sali minerali, acqua e pochissime calorie, è perfetta per la duplice azione sia detox che rinforzante del sistema immunitario. Il nostro organismo, attraverso ruoli complementari ben distribuiti tra fegato, polmoni, apparato gastrointestinale, reni e pelle è ben organizzato per liberarsi delle scorie, ma anche il cibo giusto agevola il corretto svolgimento di questo processo: e gli ingredienti di questo piatto sono tutti alimenti particolarmente detossinanti. L'aggiunta della mela rende il piatto più ricco di vitamina e di acidi organici necessari al nostro organismo per purificarsi e favorire l'eliminazione di scorie dal fegato. Il consumo di avocado, infine, aiuta il nostro corpo a produrre glutatione, un aminoacido solforato con spiccata azione antiossidante, che serve a contrastare i radicali liberi, temute sostanze dall'azione infiammatoria. Il giusto apporto proteico è dato, oltre che dal parmigiano in scaglie, dalle uova di quaglia: piccole sì, ma preziosa fonte energetica, perché le proteine delle uova - secondo quanto affermano gli studi più recenti - hanno una marcia in più!

Poche calorie contro l'anemia
A parte la fibra e la clorofilla, l'insalata valeriana contiene sali minerali, soprattutto ferro, potassio, ma anche rame - molto importante per rinforzare l'organismo nella stagione di mezzo - e in più una spiccata concentrazione di carotenoidi, che sono precursori della vitamina A, acido ascorbico, cioè vitamina C (ne ha quanto il succo di limone!), tocoferoli e acido folico.
Un mix di tutto rispetto per chi soffre di anemia e vuole dare una sferzata di energia all'organismo. Il tutto per pochissime calorie, tra l'altro di origine glucidica e proteica: i grassi infatti sono pressoché assenti nella valerianella. A bilanciare l'apporto di grassi, in questa insalata, tocca all'avocado, che però è ricco di quelli buoni.

Un toccasana per l'umore
E chi l'avrebbe detto che un'insalatina potesse mettere di buon umore? Con la valerianella succede, perché tra le altre sostanze, è particolarmente ricca di vitamine del gruppo B, specie la 6, detta anche piridoxina, un nutriente che sostiene la funzionalità del sistema nervoso e agisce sul tono dell'umore.

Cosa dice la nutrizionista*:

«Questo è un piatto-medicina per la ricchezza nutrizionale che offre in cambio di un apporto calorico contenuto. Specie in questa stagione è consigliabile portare in tavola insalate di ogni tipo, perché aiutano l'organismo a depurarsi, sono diuretiche e regalano tanta buona fibra, che sazia e al contempo aiuta l'intestino a funzionare meglio. Dal punto di vista dietetico, l'insalata valeriana si presta poi a qualsiasi tipo di regime alimentare, comprese le diete più restrittive per combattere il sovrappeso o le strategie nutrizionali per la cura delle patologie del metabolismo. E può essere consumata a volontà, senza temere di esagerare!».

* Prof.ssa Evelina Flachi, specialista in Scienza dell'alimentazione-Nutrizionista.
Collabora con La Prova del cuoco, Raiuno, ed è presidente della Fondazione italiana per l'educazione alimentare

La valerianella in cucina

  • Per sfruttare tutte le virtù della valerianella, è consigliabile consumarla cruda. E mangiata, anche da sola, prima della portata principale aumenta il senso di sazietà e la sua capacità depurativa.
  • In questo caso, con l'aggiunta di uova e frutta, diventa una vera pietanza bilanciata, a cui mancano i carboidrati per diventare un pasto completo: basta aggiungere una fetta di pane integrale et voilà un perfetto piatto unico, leggero e nutriente.
  • La valerianella può anche diventare la base per altri tipi di insalate, con l'aggiunta di altra frutta - come gli agrumi - oppure di frutta secca come mandorle e noci. Tutti questi ingredienti contribuiscono ad accrescerne il valore nutrizionale.
  • Va bene anche cotta, aggiunta per esempio alle zuppe, ma solo alla fine, senza farla cuocere troppo: regalerà alla pietanza quel tocco di freschezza, oltre a preziose fibre.
  • Dolce e delicata di sapore, è un'insalata che non "regge" l'aggiunta di troppe spezie, che finirebbero per prendere il sopravvento. Anche l'olio d'oliva è bene che sia di tipo e sapore delicati. Da notare, nella ricetta di questa settimana, l'aggiunta del sale dolce di Cervia, che rispetta il gusto morbido di questo tenero ortaggio.
A cura di Gloria Brolatti

Giornalista e food blogger

www.emoticibo.com


Vedi ricette della categoria Verdure (22)

Guida agli alimenti
Scopri le calorie e i valori energetici e nutrizionali degli alimenti


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Patologie


Calcolo del peso ideale


Potrebbe interessarti
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Alimentazione
17 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
Lo sgarro nella dieta: l’importanza di prendersi della libertà
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Alimentazione
16 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con la rucola, dai un calcio all’osteoporosi
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
Alimentazione
15 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Bambini a scuola di alimentazione per contrastare l'obesità e il sovrappeso
L'esperto risponde