Dispepsia

29 agosto 2017

Dispepsia



Definizione


Alterazione delle funzioni digestive che si manifesta con dolore o fastidio nella parte centrale dell'addome superiore (epigastrio), di solito nel periodo postprandiale.


Cause


I disturbi dispeptici possono essere provocati da pasti poco equilibrati, consumati in fretta e masticando poco, da ansia o da altro tipo di stress o dall'assunzione di cibo guasto o infetto. In soggetti sani ma sensibili il consumo di alimenti fritti o molto speziati può comportare una digestione difficile. Patologie che possono dare dispepsia comprendono l'ulcera gastrica e duodenale, la gastrite, il reflusso gastro-esofageo, i calcoli biliari e il tumore dello stomaco. Anche l'assunzione prolungata di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l'acido acetilsalicilico (aspirina) e l'ibuprofene può contribuire al disturbo.


Sintomi


La dispepsia si manifesta con dolore addominale o fastidio cronico o ricorrente localizzato a livello addominale superiore. Il dolore viene in genere descritto come urente o trafittivo. Altri sintomi comprendono: eruttazione eccessiva, senso di sazietà precoce e di pienezza dopo il pasto, nausea, conati di vomito, flatulenza e rumori intestinali intensi.


Diagnosi


La presenza di dispepsia viene determinata dal medico sulla base dell'anamnesi e dell'esame obiettivo. Se valutate appropriate, possono poi essere prescritte le procedure diagnostiche necessarie per evidenziare eventuali patologie di base: radiografia con pasto di bario, gastroscopia, ecografia, TAC o RMN.


Cure


Molto spesso modificare i comportamenti alimentari, come ad esempio mangiare lentamente ed evitare cibi difficili da digerire, è sufficiente per risolvere il disturbo. Può essere utile la somministrazione di sostanze antiacide, come il trisilicato di magnesio e l'idrossido di alluminio, o di farmaci cosiddetti procinetici (metoclopramide, domperidone). Molti preferiscono un cucchiaino di bicarbonato di sodio sciolto nell'acqua, ma è facile che provochi formazione di aria nello stomaco e conseguenti eruttazioni.


Cure alternative


Consumare liquirizia 20 minuti prima dei pasti facilita la digestione, anche menta e genziana stimolano le funzioni digestive e riducono il tempo di svuotamento dello stomaco.


Alimentazione


Oltre a correggere le abitudini alimentari, bisogna eliminare gli alimenti che provocano il disturbo che generalmente sono pomodori, cipolle, fagioli e zuccheri raffinati e limitare i cibi speziati, fitti o conservati, alcol, caffeina e bevande gassate.


Vedi le patologie di:


Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Torta tutta mele con farina di mais
Alimentazione
17 novembre 2017
Le ricette della salute
Torta tutta mele con farina di mais
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
Alimentazione
13 novembre 2017
Le ricette della salute
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
L'esperto risponde