L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infanzia

16/02/2007 11:55:06

Cytomegalovirus

Salve,
vorrei alcuni chiarimenti sui pericoli del cytomegalovirus in gravidanza e sui pericoli che potrebbe il bambino.

Mia moglie alla 35esima settana di gravidanza e' stata trovata positiva al citomegalovirus,(in precendeza avevavo fatto l'esame per questo virus solo alla 12 settmana)
igg 7,6 e igm 74,2 e una avidita' (che non so' cosa sia?) del 14%.

DA quel momento abbiamo cominciato a preoccuparci.Il 29 gennaio mio figlio e' nato senza alcun problema evidente , gli e' stato controllato l'urina ed e' risultao positivo al virus, addirittura il referto riferisce "fortemente positivo".

Adesso dovremo fare un day hospital tra due settimane, i dottori ci dicono di stare tranquilli, ma non e' facile, e ci pensieri affliggono.

In particolare vorrei sapere quali sintomi potrebbero indurci a pensare a danni provocati dal virus,
l'importanza e il significato della parola avidita',
e se il referto FORTEMENTE POSTIVO e' da interpretare come una cosa negativa

Grazie


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/02/2007

Gentilissimo Signore,

dalla storia riportata nel suo quesito, si evince che sua moglie ha contratto l’infezione da CMV durante la gestazione, dato confermato dal ritrovamento del virus nell’urina del bambino al momento della nascita. Per quanto concerne il “fortemente positivo”, è solo una interpretazione laboratoristica ed è da correlare verosimilmente con l’infezione in atto, mentre l’avidità (o avidity in inglese) è una misura empirica per datare il tempo dell’infezione (una avidità del 14% è indicativa di infezione recente e quindi l’infezione di sua moglie è stata sicuramente contratta durante la gravidanza, come già documentato dalla sieroconversione)..
Per quanto concerne le sequele che possono interessare il bambino, devono essere attentamente monitorizzate in quanto possono evidenziarsi durante tutto il primo anno di vita.
Mi faccia sapere

Dott. Antonio Sisto
TIN e Patologia Neonatale
Università di Chieti
sisto@unich.it

Dott. Antonio Sisto
Medico Ospedaliero
Specialista in Malattie infettive
Specialista in Pediatria e Neonatologia
CHIETI (CH)


Altre risposte di Infanzia







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra